Gigi Riva, nessuno lo sapeva ma amava alla follia la bellissima italiana: una coppia di fuoco

Gigi Riva si è spento ieri all’ospedale di Cagliari: Rombo di Tuono era un grande appassionato di auto, la predilezione per una vettura italiana

La notizia ha devastato tutti i grandi appassionati di calcio. Perché chi ama il calcio ha amato il grande Gigi Riva, “Rombo di Tuono” com’era soprannominato. Una leggenda per il Cagliari, capace di vincere lo scudetto nella stagione 1969/1970 e regalarlo per la prima ed unica volta alla Sardegna, ma anche per l’Italia di cui è stato bomber e dirigente.

Gigi Riva auto
Gigi Riva aveva una passione per le auto (Ansa Foto) – Derapate.it

Si è spento ieri, all’ospedale Brotzu di Cagliari dov’era ricoverato per un infarto che sembrava avesse superato. Ed invece alle 19.10 la situazione è precipitata e non c’è stato nulla da fare. Come detto, una notizia che ha gettato nello sconforto e nella disperazione tutti i suoi tifosi.

Riva, oltre che un bomber magnifico con il suo sinistro letale, era anche un grande appassionato di auto. In particolar modo amava le sportive con cui sfrecciava sia sulla strada litoranea che nell’entroterra sardo. E sembra proprio che la le forze dell’ordine chiudessero anche un occhio quando veniva fermato alla guida. E sembra proprio che avesse il piede pesante, tanto da spingere Boninsegna – dopo essere entrato in auto con lui – a stipulare una assicurazione sulla vita.

Gigi Riva e la passione per le auto: le italiane che amava

Auto sportive e fiammanti dicevamo. E così non deve meravigliare se nel 1964, dopo aver firmato il primo contratto con il club sardo, si regalò una Alfa Romeo Giulia 1600 Quadrifoglio Verde naturalmente. Di fatto la versione più sportiva del Biscione, un simbolo degli anni ’60 con cambio a cinque marce ed un aspetto aggressivo dato dai quattro fari tondi.

Gigi Riva auto
Alfa Romeo Montreal, una delle auto possedute da Gigi Riva (media press Stellantis) – Derapate.it

Dalla Giulia passò direttamente alla Montreal, una GT speciale 2+2 disegnata da Marcello Gandini e realizzata dal 1970 al 1977 e con un motore davvero potentissimo, il V8 che regalava di certo grandi emozioni alla guida. Non solo Alfa Romeo, però; Gigi Riva, infatti, aveva una predilezione per le auto italiane in generale e, quindi, anche per le Fiat. E così in più di un’occasione fu fotografato con una Fiat Dino Ferrari, un magnifico esemplare versione cabriolet dell’auto sportiva prodotta dal 1966 al 1972. Una passione, quella per le auto, che spinse Gigi Riva a diventare perfino socio di una concessionaria, la Alfa Romeo Riva Cocco & Saba.

Impostazioni privacy