Stop incentivi auto, cambia di nuovo tutto: il Governo inguaia i cittadini

Gli incentivi auto sono sicuramente molto comodi per tanti cittadini, anche se le cose stanno per cambiare.

Gli incentivi auto sono sicuramente un modo molto efficace di donare a ben più di un cittadino italiano – e non soltanto italiano – la possibilità di acquistare un’automobile. Ricordiamo infatti che non tutti hanno le stesse disponibilità economiche, e un aiuto di questo tipo può spesso e volentieri risultare estremamente comodo.

Stop incentivi auto, cambia di nuovo tutto: il Governo inguaia i cittadini
Stop incentivi auto (derapate.it – Canva)

Spesso vengono adottati dai Governi per convincere più di un papabile compratore ad investire sulle vetture elettriche o ibride, magari rottamando un’automobile a benzina o a diesel.

Un buon modo per arrivare ad un compromesso economico che accontenti venditore ed acquirente. Anche se, forse, non tutti pensano che questa sia una buona soluzione. Ci riferiamo ad un paese in particolare che avrebbe preso una decisione importante nelle ultime ore.

Stop agli incentivi auto? Ecco cosa sta succedendo

Non sono pochi i Paesi che stanno tagliano le agevolazioni legate alle automobili elettriche. Non risulta essere fra questi l’Italia per il momento, mentre l’Irlanda avrebbe deciso di togliere tali incentivi. Come abbiamo detto in precedenza, si tratta di aiuti economici a disposizione di chi vorrebbe acquistare una vettura a zero impatto ambientale. In Irlanda, però, hanno deciso di cambiare le carte in tavola. Finisce così la storia del LEVTI (Low Emissions Vehicle Toll Incentive). Il Dipartimento dei Trasporti dell’Irlanda ha annunciato nei giorni scorsi nuovi tagli agli incentivi pro elettrico.

stop incentivi auto irlanda
Stop incentivi auto, ecco perché (derapate.it – Canva)

Già a luglio erano stati ridotti – da 5.000 a 3.5000 euro – mentre nel 2022 furono cancellati gli aiuti per quanto riguarda l’acquisto di vetture ibride plug-in. Ma perché? Lo Stato in questione si sta concentrando su altri argomenti di discussione del futuro; pensiamo alle infrastrutture di ricarica, che hanno un’importanza enorme per gli anni che verranno. Il programma dell’elettrico non è stato cancellato, dunque, ma solo spostato verso altri interessi nell’immediato. Non è qualcosa di nuovo in Europa; altri Paesi, Svizzera, Norvegia e Germania su tutti, si sono mossi più o meno nella stessa maniera.

Uno scenario del genere potrebbe avvenire facilmente anche in Italia, luogo nel quale per il momento le istituzioni e il Governo hanno scelto di riproporre nel 2024 gli incentivi auto. Il motivo è di quelli meno positivi possibili: la vendita di vetture elettriche è ben lontana dal raggiungimento di obiettivi eccellenti, o quantomeno positivi. Ragion per cui, sarà bene lavorare per fare il miglior lavoro possibile prossimamente. Di tempo, dopotutto, ce n’è ancora tanto per risalire la china in tal senso.

Impostazioni privacy