Addio Telepass, gli italiani stanno scegliendo tutti il nuovo sistema: è più veloce e costa molto meno

Il Telepass è uno strumento certamente molto efficace per quanto riguarda la viabilità sulle strade. Ma occhio a queste novità.

Quando parliamo di Telepass, chiaramente, non ci riferiamo soltanto ad un abbonamento volto a migliorare – almeno sulla carta – la viabilità di moltissimi e moltissime automobilisti/e, ma anche di un vero e proprio strumento assolutamente capace di rendere migliore la giornata e le giornate di più persone possibili.

telepass unipolmove pedaggio autostradale
Telepass (deraapte.it – Canva)

Va però detta una cosa, ovvero che non è l’unica soluzione dal punto di vista del pedaggio autostradale. Ci sono anche altre strade – metaforicamente parlando e non solo – che è possibile intraprendere in tal senso.

All’interno di questo articolo proveremo a vederci chiaro e a capire in questo modo come fare a trovare la soluzione migliore possibile ed immaginabile. Detto questo, vediamoci chiaro. Molti italiani potranno sicuramente affidarsi anche a qualche variante in tal senso.

Telepass, ecco cosa c’è da sapere: non è l’unico sistema valido

Conosciamo molto bene Telepass, ma non è l’unica soluzione al problema legato al pedaggio autostradale. Il primo che ci viene in mente è certamente Unipolmove. Quest’ultimo fornisce sistemi di pagamento simili, anche se doterà prevedibilmente i suoi clienti di modalità e condizioni differenti rispetto a Telepass. Oltre ad una varietà di opzioni di pacchetti decisamente diversi. E’ senza ombra di dubbio una soluzione alternativa assai valida. Scopriamola perciò nel dettaglio.

telepass unipolmove pedaggio autostradale
Unipolmove, una concreta alternativa a Telepass (derapate.it – Unipolmove)

Affiliata ad Unipolsai, si basa su un trasponder che comunica con i caselli autostradali e permette in questo modo di pagare il pedaggio senza dover effettuare alcuna fermata. Sotto questo punto di vista appare molto simile a Telepass.

Si divide in 2 tipi di contratti, quello Privato o quello Business; entrambi sono attivabili: online sul sito ufficiale, tramite app Unipolmove e in ciascuna delle agenzie Unipolsai (questa è l’unica scelta possibile per quanto riguarda i contratti Business). Una volta in possesso del dispositivo di cui vi stiamo parlando, sarà necessario completare l’attivazione sull’app o sul sito web, senza dimenticare di collegarsi alla propria area riservata. Il suo costo si divide così:

  • Unipolmove base: canone mensile di 1 euro al mese, ma con 50 centesimi in più si può avere un altro dispositivo. Attivazione e consegna sono gratuite.
  • Unipolmove Pay per Use: il canone è di 50 centesimi al giorno (ma solo se viene utilizzato il dispositivo). La validità è tale per le 24 ore successive al primo ingresso. Passate queste ore, si pagheranno altri 50 centesimi in caso di pagamento del pedaggio autostradale con il dispositivo. Il costo di attivazione e consegna è di 10 euro.

Per utilizzarlo bisogna passare all’interno dei caselli riportanti il simbolo del Telepass europeo. Unipolsai, comunque, starebbe lavorando per permettere l’utilizzo di questo dispositivo anche in Francia, Spafna e Portogallo. In Italia funziona sulla maggior parte delle autostrade.

Impostazioni privacy