Volkswagen, che dramma: la sentenza è impietosa, allarme rosso per il colosso tedesco

Non sono anni semplici per la Volkswagen, con il colosso tedesco che si trova di nuovo di fronte a una terribile notizia.

Da diverso tempo a questa parte, la Volkswagen ha dimostrato di dover saper affrontare una serie di problematiche nell’azienda di Wolfsburg. Per prima cosa infatti il passaggio a una sempre più attiva mobilità elettrica si è rivelato un grosso limite per lo sviluppo della casa tedesca, visto come le vendite non stanno andando come sperato.

Volkswagen caso dieselgate dramma condanna tribunale
Dramma per la Volkswagen (Canva – derapate.it)

La Volkswagen sta dando vita a una gamma di primissimo livello, basti vedere infatti come le ID siano tra le migliori vetture a impatto zero, ma ciò non basta. I prezzi di mercato di queste vetture sono ancora troppo elevati e soprattutto l’autonomia della batteria non è ancora in grado di garantire buone prestazioni.

Per questo motivo uno dei principali progetti futuri del colosso teutonico è legato alla produzione della ID2. Si tratta di un’auto a impatto zero che però punta a venire incontro anche alle finanze dei clienti, con il costo di partenza che non dovrebbe andare oltre ai 25 mila Euro, il che risulterebbe straordinariamente importante.

Purtroppo però non sono solo le auto elettriche che preoccupano il colosso tedesco, ma sono ancora gli strascichi del 2015. Nel settembre di quell’anno infatti scoppiò lo scandalo del “Dieselgate”, con l’agenzia statunitense per la protezione dell’ambiente che smascherò una serie di manipolazione dei reali valori delle auto tedesche. Uno scandalo che ebbe effetti disastrosi sulle vendite della Volkswagen e che anche oggi continua a generare problemi.

Ancora “Dieselgate”: nuovi problemi per la Volkswagen

La Volkswagen sta cercando di dimostrare la propria estraneità ai fatti, facendo così ricadere le colpe solo nelle figure di spicco dirigenziali della casa di Wolfsburg. A quanto pare le cose non si stanno mettendo per niente bene, infatti il tribunale amministrativo di Schleswig ha emesso una nuova sentenza.

Volkswagen caso dieselgate dramma condanna tribunale
Volkswagen ID2 (Volkswagen Press Media – derapate.it)

Il giudice ha annullato l’approvazione per l’utilizzo del software incriminato e che sarebbe stato utilizzato su un totale di ben 62 modelli di auto diesel. Inizialmente si era dato il via libera alla casa teutonica per poter quantomeno riparare i motori generando così un aggiornamento da parte del software, ma con questa nuova sentenza tutto viene rimangiato.

L’accusa contro Volkswagen è stata portata avanti dal gruppo ambientalista DUH, Duetsche Umwelthilfe, che ha spiegato come il motore incriminato, ovvero quello EA-189, sia ancora fuori dal limiti previsti dalle normative ambientali. Da Wolfsburg la risposta ha messo in chiaro come fosse necessario tutto ciò, in modo tale da poter evitare di creare dei danni irreversibili al motore legati all’affidabilità.

A quanto pare il giudice di Schleswig ha ritenuto che la sicurezza ambientale fosse primaria rispetto a quella legata all’affidabilità dei motori della Volkswagen, con questo lavoro che dunque dovrà essere rifatto da cima a fondo. La sentenza finale è ancora però ben lontana dall’essere emessa, con la casa teutonica che ha già annunciato di ricorrere in appello in modo tale da poter fare chiarezza sulla situazione. DUH però non si vuole limitare alla sola Volkswagen, infatti ha già annunciato delle prossime cause legali contro alcuni software di Mercedes, BMW e Gruppo Stellantis, per un totale di 15 colossi che ora tremano.

Impostazioni privacy