Red Bull, il nuovo pilota esprime tutta la sua gioia: “Sapevo che avrei avuto un’opportunità”

La Red Bull ha preso una decisione molto forte in queste ultime giornate, ed ora il nuovo pilota gongola. Ecco le sue parole.

In casa Red Bull il momento è tra i più positivi nella storia del team, visto che la superiorità sui rivali è evidente. Max Verstappen sta volando verso il titolo mondiale, il terzo della sua carriera, mentre il team di Milton Keynes ha ormai messo in cassaforte il settimo alloro iridato costruttori della sua storia.

Red Bull ed il commento di Ricciardo
Red Bull con Verstappen in azione a Silverstone (ANSA) – Derapate.it

Meglio di così non potrebbe andare, e la buona notizia per gli uomini di Christian Horner è che gli attuali regolamenti resteranno i medesimi anche per il prossimo biennio, con la possibilità di continuare a demolire la concorrenza. Verstappen ha già superato le vittorie di Ayrton Senna, ed ora punta ad altri miti.

A pochi successi di distanza, infatti, ci sono Alain Prost e Sebastian Vettel, e con la superiorità che sta esprimendo ora, è facile che il sorpasso avvenga già quest’anno. Oltre al dominio del figlio di Jos, che ormai non fa più notizia, la Red Bull si è fatta notare, nel corso di questa settimana, per una netta decisione che ha preso nei confronti di Nyck De Vries. L’olandese dell’AlphaTauri è stato licenziato, e dovrà fare spazio a Daniel Ricciardo sin dal prossimo Gran Premio di Ungheria.

Red Bull, ecco le prime parole di Daniel Ricciardo

Daniel Ricciardo tornerà in F1 a partire da Budapest, pista dove ha vinto la sua seconda gara in F1 nel 2014, ai tempi della Red Bull, successo costruito su una serie di sorpassi eccezionali nella parte finale. Nyck De Vries ha così concluso la sua breve avventura, e le critiche non sono mancate.

Ancora una volta, infatti, il super-consulente del team di Milton Keynes Helmut Marko non ci ha pensato due volte nello stroncare la carriera di un giovane talento, come aveva fatto, tra gli altri, anche con Sébastien Buemi, Brendon Hartley, Jean-Eric Vergne e tanti altri ancora nel passato di questa squadra.

Ricciardo è comunque un grande talento, ed ha dimostrato, ai tempi del suo rapporto con i bibitari, di valere un posto in F1. In McLaren, invece, è stato demolito da Lando Norris e non è mai stato competitivo, nonostante la vittoria di Monza di due anni fa che comunque è sempre un bel ricordo. In un’intervista riportata da “Formulapassion“, l’australiano ha raccontato le sue sensazioni.

Ecco le sue parole: “Mi sono goduto i sei mesi di pausa che ho avuto. Sono stati una cosa positiva per me, ed ora mi è tornata tanta voglia di tornare in pista essendo stato parecchie volte nei box. Quando sono tornato in macchina qualche giorno fa, mi è sembrato tutto molto familiare. Ho fatto parte della famiglia Red Bull per tanti anni, ed ho avuto una grande accoglienza sin da quando sono tornato qui“.

Il nativo di Perth ha poi detto di essere prontissimo ed innamorato di questo sport: “Mi sono subito ri-innamorato della F1, e nella mia mente c’è sempre stata la sensazione che avrei avuto un’opportunità. Non ho mai avuti dubbi sul fatto di rispondere in maniera affermativa nel momento in cui Marko mi ha chiamato“.