Auto a “spazzatura”? Il nuovo carburante low cost che fa sognare tutti

Le novità del mondo dei motori degli ultimi anni sono pazzesche, ma nessuno immaginava che un veicolo si muovesse grazie alla spazzatura.

L’ecologia è diventata una delle tematiche principali nel mondo moderno, tanto è vero che ormai tutti quanti non possono più negare il fatto che il nostro pianeta abbia bisogno di aiuto. Ecco come mai sono sempre di più le aziende che si sono lanciate nella produzione di automobili elettriche.

Hyundai riciclo carburante plastica idrogeno
L’auto che va a “spazzatura” (Canva – derapate.it)

Questo infatti garantisce la produzione di automobili che sono a zero per quanto concerne le emissioni di CO2 e i dati portati avanti dall’Università della California dimostrano come l’aria riesca a beneficiarne solo con il 2% di auto a impatto zero per strada. Per questo motivo è importante che le aziende continuino su questa strada.

Sono diversi i limiti di questi veicoli, partendo per esempio dal fatto che i costi di produzione sono ancora eccessivamente elevati e dunque anche il prezzo di vendita è destinato a crescere. Inoltre la batteria non solo è il problema per il fatto che genera dei costi eccessivi, ma anche perché non garantisce ancora oggi l’autonomia sperata.

Si sta lavorando moltissimo da questo punto di vista, proprio per poter andare oltre a queste limitazioni. Un altro aspetto chiaro a tutti per poter aiutare l’ambiente è quello di riciclare quanto più possibile. Per questo motivo anche un colosso automobilistico ha preso una decisione altamente ecologica che potrebbe cambiare il futuro della mobilità.

La Hyundai si rinnova: rifiuti diventano idrogeno

Uno dei carburanti del futuro che permetterà di abbattere l’impatto inquinante delle vetture in tutto il mondo sarà l’idrogeno. Questo andrà ad affiancarsi alle auto elettriche, ma naturalmente al momento sono molti i dubbi riguardanti questo rifornimento, ma la Hyundai ha capito che c’è un modo per poter recuperare una grande quantità di questo carburante rimanendo ecologici.

Hyundai riciclo carburante plastica idrogeno
Hyundai, la gamma elettrica (Hyundai Press Media – derapate.it)

Infatti il colosso coreano ha spiegato in occasione del CES di Las Vegas come si sia dato il via a un progetto davvero straordinario: Everything Defined by Sofyware. Quest’ultimo ha il compito di risolvere una serie di problematiche nella progettazione dei vari veicoli Hyundai prima ancora di sperimentarli in modo pratico, limitando così al massimo il materiale utilizzato.

Questo garantirà dunque una prima riduzione dell’impatto ambientale della Hyundai, ma inoltre si è lanciato il favoloso progetto della trasformazione dei prodotti organici e della plastica in idrogeno. Per i rifiuti organici si darà vita alla fermentazione di questi ultimi e a quel punto sarà estratta l’anidride carbonica necessaria per la produzione di idrogeno.

Per la plastica invece si è deciso di portare il processo alla fusione e alla gassificazione di quest’ultima. Sarà utilizzata solamente quella plastica che non può essere riciclato e dunque questo progetto porterà a trasformare questo elemento in idrogeno, una volta che sarà rimosso il materiale in eccesso. La Hyundai è una delle società che in questi ultimi anni si è maggiormente messa in evidenza per la grande attenzione allo sviluppo tecnologico e con questa innovazione sarà in grado di diventare ancora di più leader nel settore.

Impostazioni privacy