Cambiano i limiti, battuta la protesta: scattano le sanzioni, dovrai stare attentissimo

I nuovi limiti di velocità sono ormai realtà, nonostante le proteste: le sanzioni in caso di violazioni possono essere molto elevate.

Il rispetto dei limiti di velocità è certamente una delle prime regole da rispettare quando si è al volante di un’auto o alla guida di una moto. Tuttavia, troppo spesso chi si mette in strada con uno di questi mezzi va più veloce del consentito mettendo a rischio la propria sicurezza e quella di tutti gli altri viaggiatori. Per questo negli ultimi tempi i Comuni, assieme alle forze dell’ordine, hanno deciso di intensificare i controlli per far sì che i limiti di velocità vengano rispettati da tutti.

nuovi limiti di velocità
Cambiano i limiti di velocità in Italia (Derapate)

Tra le città in prima fila c’è Bologna, che da qualche giorno ha dato il via al progetto Città 30. Ma di cosa si tratta esattamente? Già la scorsa estate il Comune di Bologna aveva approvato questo Piano particolareggiato del traffico urbano (Pptu), che prende appunto il nome di ‘Bologna Città 30’.

Ora, dopo circa sei mesi da quel via libera, il progetto trova effettiva applicazione con le prime sanzioni comminate a coloro che superano i nuovi limiti di velocità. In buona parte del centro felsineo, infatti, non si potrà superare il limite di 30 km/h, con un limite di tolleranza fissato in 5 km/h.

Nuovi limiti di velocità: le multe sono davvero salate

Al di fuori delle strade che rientrano all’interno del progetto ‘Bologna Città 30’ il limite resta sempre quello di 50 km/h. Tanto per fare un esempio, sui viali di Circonvallazione le auto possono procedere a 50 km/h, fatta eccezione per il tratto davanti la Stazione di Bologna dove invece non si possono superare i 30 km/h.

nuovi limiti di velocità sanzioni
Bologna, i nuovi limiti di velocità sono realtà: multe salate per chi non li rispetta – Foto ANSA (Derapate.it)

Le multe vanno da un minimo di 29,40 euro per chi supera il limite fino a 10 km/h (tra 36 e 45 km/h per le strade con limite fino a 30 km/h) a un massimo di 845 euro, decurtazione di 10 punti e sospensione della patente da 6 a 12 mesi per chi circola oltre 60 km/h in più del limite.

I nuovi limiti di velocità sono stati accolti anche con critiche e malumori. In tanti hanno espresso le proprie perplessità sui social, ma il sindaco di Bologna, Matteo Lepore, non guarda indietro: il suo obiettivo è infatti quello di rendere la città sempre più sicura e a portata di tutti. In questo modo, per il primo cittadino, si riducono gli incidenti, le emissioni di smog, l’inquinamento acustico e si decongestiona il traffico, garantendo la sicurezza di bambini, anziani e disabili.

Impostazioni privacy