Tesla, emerge una vulnerabilità agghiacciante: così sarà messa in ginocchio

C’è una brutta notizia per tutti coloro che amano il marchio Tesla, che ora emerge in base ad uno studio. Tutti i dettagli.

Il marchio Tesla è il top assoluto quando si parla di auto elettriche, ma oggi vi parleremo di una situazione che ha fatto discutere e non poco. Infatti, la compagnia di Elon Musk pare aver commesso un errore non da poco, rendendo uno dei suoi modelli di punta, oltre che ad essere anche il più recente in assoluto, una preda facile per chi è esperto di furti di auto, anche i più difficili.

Tesla model 3 rischio furto
Tesla che disastro – Derapate.it

Per chi non lo sapesse, le Tesla sono molto difficili da rubare, ma in un mondo nel quale la tecnologia la fa da padrone, c’è sempre il rischio che qualcosa vada storto. Proprio a questo proposito, un grande esperto ha fatto una scoperta che lascia tutti con il fiato sospeso, in attesa che succeda qualcosa che possa risolvere il tutto.

Tesla, c’è una notizia che fa discutere tutti

Oggi vi parleremo di un caso molto particolare e soprattutto delicato, che potrebbe aumentare un rischio temuto da tutti gli automobilisti. Infatti, in base ad un’analisi fatta da un hacker, la Tesla Model 3 Highland 2024 potrebbe essere più sensibile ai furti, una scoperta che non è certo positiva per la compagnia di Elon Musk, che sotto questo aspetto è sempre stata una delle case più sicure al mondo.

Tesla Model 3 rischio di furto
Tesla Model 3 in mostra (Tesla) – Derapate.it

La Model 3 in versione 2024 è stata svelata al mondo qualche mese fa, e pare che attorno a lei, pur essendo la più avanzata dal punto di vista tecnologico, ci siano dei dubbi. Le Tesla sono di solito le più sicure al mondo per via del fatto di essere sempre connesse alla rete, geolocalizzate e circondate da una serie di telecamere, le quali possono attivare anche la modalità sentinella.

Inoltre, c’è anche il discorso legato alla protezione del pin code che le rende quasi inavvicinabili, ma qualcosa è andato storto sulla Model 3. Infatti, ora è cambiata la tecnologia e pare che si sia fatto un passo indietro a seguito di un errore, con l’adozione di una rete Ethernet ed i moduli che sono stati spostati in una zona che va fuori dalla mainboard, ponendo i cavi sul soffitto della vettura.

Quella è una zona più vulnerabile in base ad un’analisi che è stata svolta da un hacker esperto, secondo cui ora la Model 3 è un’auto che è divenuta più vulnerabile ai furti. In sostanza, basta tagliare un cavo per poter far saltare i sistemi di sicurezza, senza dover accedere al circuito principale. Tutto ciò va a rendere il sistema molto più facile da aggirare.

A parlarne è stato l’esperto informatico Green, che ha postato questi scatti sul suo profilo X. A questo punto, ci sarà da capire quella che sarà la reazione della compagnia di Musk, il quale di solito reagisce molto in fretta a queste problematiche. Di certo, non è un problema da poco, e che deve essere messo a posto prima dell’inizio delle consegne.

 

Impostazioni privacy