Michael Schumacher news: è tornato a casa, parola della manager

Michael Schumacher news: è tornato a casa, parola della manager

Tutte le vittorie in F1 in carriera di Michael Schumacher

Qualche giorno fa avevamo scritto che Michael Schumacher sarebbe tornato a casa dalla clinica di Losanna a Natale, invece ha anticipato i tempi. Ad annunciarlo è proprio la sua manager Sabine Kehm, la quale spiega che il Kaiser ha lasciato la clinica di Losanna, dove era arrivato dopo l’incidente di dicembre a Meribel e la lunga degenza all’ospedale di Grenoble. La Kehm spiega in una nota che il sette volte campione del mondo di Formula 1 ha compiuto “progressi” negli ultimi mesi, ma davanti ha ancora “una lunga e difficile strada da percorrere”. Schumacher vive a Gland, vicino a Ginevra.

  • Spa 1992
  • Estoril 1993
  • Brasile 1994
  • Pacifico 1994
  • Imola 1994
  • Monaco 1994

Si diceva Natale a casa…

Con il Circus diretto verso Monza per il Gran premio d’Italia, è difficile non pensare sempre a Michael Schumacher, protagonista più amato tra tutti per le emozioni che ha regalato nel tempio della velocità. Lui, nella clinica di Losanna, prosegue la riabilitazione, senza tempi certi sul ritorno a casa.
Ci sono le indiscrezioni rilanciate dalla stampa tedesca e riprese dalla Gazzetta dello Sport, su un presunto rientro a Natale, sostenuto dal giornale Bunte.
I dettagli sulla necessità di costante assistenza durante il giorno non aggiungono nulla di nuovo rispetto a quanto già non si sapesse, ovvero, un processo riabilitativo lungo e dagli esiti incerti.

La lettera di Corinna
Come ogni notizia non ufficiale sulle condizioni di Michael Schumacher, va presa con il beneficio d’inventario. L’ultima indiscrezione – che come tale va letta e considerata – arriva dagli inglesi del Daily Mail: a fine agosto il sette volte iridato potrebbe tornare nella sua residenza privata, abbandonando la clinica di Losanna nella quale è stato trasferito per proseguire la riabilitazione.
Non c’è alcuna conferma ufficiale da parte di Sabine Kehm, così come è lecito prevedere non arriverà finché il trasferimento non sarà effettivo. Le condizioni di salute di Schumacher pur essendo “migliori” rispetto ai giorni drammatici dell’incidente prima di Capodanno, sono ben lontane dal definirsi normali.

Corinna in una lettera ha ringraziato i tifosi e spiegato come il peggio sia ormai alle spalle, tuttavia, la realtà con la quale fare i conti è quella che mette di fronte a un uomo che comunicherebbe con la famiglia attraverso lo sguardo e se anche la notizia del trasferimento a casa dovesse essere veritiera, non aspettiamoci un Michael che ci arriva sulle proprie gambe e in autonomia.

Come la stessa Corinna ha scritto, la strada è ancora molto lunga perché Michael possa tornare a essere quello di prima.

Gli sviluppi sul furto della cartella clinica
Proseguono le indagini sul furto della cartella clinica di Michael Schumacher, vile atto per lucrare sulle condizioni di salute del campione tedesco. L’indagine della Procura di Grenoble inizia a far luce su quelli che potrebbero essere i responsabili del trafugamento. Sembra sia da escludere un’azione compiuta all’interno dell’ospedale in cui è stato ricoverato Michael per quasi sei mesi, i colpevoli andrebbero ricercati tra lo staff che ha accompagnato in ambulanza Schumacher fino a Losanna, al centro riabilitativo nel quale dovrà continuare la sua lunga e incerta battaglia.

Sarebbero stati fotografati all’interno dell’ambulanza, gli atti che certificano le condizioni di Schumacher e la richiesta di denaro fatta ai media per la pubblicazione è stata di 50 mila euro. Lo pseudonimo col quale si è/sono firmati i responsabili è Kagemusha (guerriero ombra; ndr), nome di un film del regista Akira Kurosawa.
Si stringe il cerchio, quindi, perché risalire ai personaggi che erano a bordo sarà cosa piuttosto semplice. Dalle ultime notizie rilanciare dalla stampa francese – il giornale Dauphine Libere, nello specifico – gli inquirenti sarebbero risaliti al computer dal quale è stata materialmente inviata la richiesta di denaro per la cartella clinica. Mancano conferme dirette, tuttavia, si tratterebbe di un computer situato nel cantone di Zurigo, in particolare nella sede di una società di elicotteri, che potrebbe essere la stessa che ha trasportato Schumacher da Grenoble a Losanna.

Michael Schumacher: le foto dei fan da Grenoble

  • Le foto dei fan da Grenoble
  • Le foto dei fan da Grenoble
  • Le foto dei fan da Grenoble
  • Le foto dei fan da Grenoble
  • Le foto dei fan da Grenoble

La notizia del furto
Non c’è pace per Michael Schumacher. Dopo la bella notizia dell’uscita dal coma di qualche giorno fa, ecco un nuovo episodio alquanto spiacevole: le sue cartelle mediche sono state trafugate. E’ l’allarme lanciato dal management dell’ex pilota di Formula 1 che pochi giorni fa è stato trasferito dall’ospedale di Grenoble dove è rimasto ricoverato per quasi sei mesi dopo un grave incidente sugli sci. Lo staff del tedesco sette volte campione del mondo, ora in cura in una clinica di Losanna, temono che i documenti vengano resi noti e diffidano i media dalla pubblicazione. Dopo il salto le parole della sua manager Sabine Kehm.

“Da diversi giorni documenti e dati rubati sono offerti in vendita. L’offerente sostiene che facciano parte della cartella medica di Michael Schumacher”, avverte in una nota la manager e portavoce dell’ex ferrarista, Sabine Kehm. “Non possiamo giudicare se siano autentici. Ma sono rubati, chiaramente, è stato segnalato il furto. Avvertiamo che sia l’acquisto che la pubblicazione di questi documenti è vietato. Il loro contenuto è totalmente privato e confidenziale e non deve essere messo a disposizione del pubblico” , aggiunge la manager che si riserva di passare a “vie legali in caso di pubblicazione dei file”.

E’ uscito dal coma

Lui, il campionissimo in grado di battere il tempo, costretto ad assecondarlo. Michael Schumacher a quasi sei mesi esatti dal drammatico incidente sugli sci sulle nevi francesi, non è più in coma. La bella notizia ha i crismi dell’ufficialità, quelli targati Sabine Kehm: la portavoce del tedesco ha confermato che Michael ha lasciato l’ospedale di Grenoble e proseguirà il lungo percorso riabilitativo lontano da occhi indiscreti. Chiedono riservatezza per una vicenda che è ancora ben lontana dall’essersi conclusa, perché non dobbiamo immaginarci uno Schumacher in grado di parlare, muoversi e interagire normalmente. Le indiscrezioni dicono di alcuni momenti in cui apre gli occhi, almeno così riporta il giornale tedesco Bild; adesso non resta che attendere e far sì che la riabilitazione porti i frutti sperati.

Nel comunicato stampa, la famiglia Schumacher ringrazia i medici che si sono presi cura del sette volte campione del mondo di Formula 1, così come i primi soccorritori e i milioni di tifosi che hanno fatto arrivare a Grenoble tutto l’affetto e l’incoraggiamento perché non mollasse.
Conclusa la “fase 1″, quella forse più critica, dove il tempo l’ha dovuto assecondare, per Michael inizia la gara nella quale farà la differenza: tenacia e determinazione saranno i suoi migliori alleati per recuperare al massimo di quanto consentano le condizioni fisiche. Forza Michael!

Migliorano le condizioni di Michael Schumacher

Schumacher ha momenti in cui è cosciente, dopo 3 mesi di coma

FacebookTwitter

Fabiano Polimeni

Momenti di risveglio
Più di tre mesi trascorsi a Grenoble, in uno stato di coma dal quale i medici provano a risvegliarlo. Michael Schumacher continua la sua lotta, affiancato dalla famiglia e con il pensiero costante di milioni di tifosi. Dopo che sono state smentite le indiscrezioni emerse sulla stampa inglese, che parlavano di un imminente trasferimento nella residenza in Svizzera, nel venerdì del Gran premio del Bahrain arriva la dichiarazione di Sabine Kehm che dà speranza: Michael mostra momenti di risveglio e coscienza. Aggiunge poi come tutti siano fiduciosi, pur trattandosi di un percorso ancora lungo.

La Kehm, giovedì scorso, aveva rilanciato ottimistici segnali di speranza: «Ci sono segni molto positivi che ci danno coraggio». Poi, precisando sulla paventata camera specializzata da ricreare nella casa in Svizzera, ha commentato: «Si è detto che Michael sarebbe un caso senza speranza, e che fosse ormai inutile tenerlo in ospedale, ma sono tutte voci senza fondamento».

Ritorna a casa?

Quando parla Sabine Kehm, è un po’ come se qualcuno si affacciasse da quella finestra di piazza San Pietro. In fondo, ad ascoltarla, c’è una folla di credenti, quanti aspettano di sentire parole di speranza sulle condizioni di Michael Schumacher.
Parla la Kehm, e lo fa alla vigilia dell’apertura del mondiale, ma non dà quell’annuncio che tutti vorrebbero ascoltare, perché non può farlo. «Siamo e restiamo fiduciosi che Michael ne verrà fuori si sveglierà. A volte ci sono piccoli, incoraggianti, segnali, ma sappiamo anche che questo è il momento in cui restare pazienti». Quei piccoli segnali incoraggianti non è dato sapere nello specifico quali siano, ma c’è un elemento che, dal punto di vista medico – espresso da autorevoli professori – non va trascurato: quali conseguenze porterà con sé questa lunga fase di coma?

Michael Schumacher si ritira

  • Michael Schumacher ritiro
  • Michael Schumacher ritiro (3)
  • Michael Schumacher si ritira
  • Michael Schumacher si ritira (2)
  • Michael Schumacher si ritira (3)

Fonti foto | AP/LaPresse; Bild Sport

«Ha sofferto ferite gravi, ed è molto difficile comprendere da parte nostra che Michael, il quale ha superato molte situazioni precarie in passato, è rimasto ferito così gravemente in una situazione tanto banale. Era chiaro sin dall’inizio che si sarebbe trattato di una lunga e difficile battaglia. Stiamo combattendo insieme all’equipe medica, sui quali riponiamo assoluta fiducia. La lunghezza dei tempi non è la parte importante», prosegue la nota stampa della portavoce, prima di ribadire un punto chiave: la riservatezza e il rispetto per la famiglia.

«Vorrei ricordare a tutti come Michael abbia sempre tenuto attivamente la sua famiglia al di fuori della ribalta pubblica e conseguentemente protetto le loro vite private. Proviamo a indirizzare tutte le energie che abbiamo su Michael, e siamo certi che lo aiuteranno. Crediamo anche che vincerà anche questa battaglia». Sono parole di speranza, di fiducia, non potendo fare diversamente e aspettando un’evoluzione che è tutta da verificarsi.
Comprensibilmente si mantiene lo stretto riserbo sui dettagli più intimi, quelli riportati dalla stampa internazionale, non senza quel senso di voyerismo proprio di un’informazione alla ricerca di copie da vendere.

1676

Vedi anche:

Michael Schumacher: i record, la carriera e le curiosità. Quante ne sai? Fai il QUIZ!
Chi ha sostituito Schumacher a Spa nel 1991 nel suo debutto in F1?
  • Karl Wendlinger
  • Bertrand Gachot
  • Ivan Capelli
  • Mark Blundell
Rispondi
Vittorie Michael Schumacher: vota la tua preferita!
Segui Derapate
Continua a leggere >>

Mar 09/09/2014 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
klaus Drinkhard
Klaus Drinkhard 29 dicembre 2013 14:12

Sembra nuente di gravissimo per fortuna!!

Rispondi Segnala abuso
Anna B. 5 gennaio 2014 07:05

Sì, non è gravissimo, lo step immediatamente successivo è la morte. Non è grave.

Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca loves Ferrari 29 dicembre 2013 17:40

Schumacher e’ noto per essere un vecchio leone che non vuole fermarsi mai ma deve anche capire che a 45 anni non può correre simili rischi, anche se si tratta solo di un hobby.
La sua scelta di rimettersi in gioco a 41 primavere tra l’altro sposando il progetto Mercedes che partiva completamente da zero, e’ stata coraggiosa ma molto discutibile (e non sono pochi gli incidenti da lui provocati, con Barrichello a Budapest 2010, con Perez a Singapore 2011 e con Vergne sempre a Singapore l’anno successivo) e adesso che si e’ definitivamente ritirato secondo me dovrebbe pensare solo ed esclusivamente a fare il marito ed il padre e magari restare in Formula 1 con un altro ruolo (magari consulente della Mercedes, come aveva fatto con la Ferrari dal 2007 al 2009 prima di tornare a correre).
Comunque gli faccio i miei auguri di pronta guarigione!

Rispondi Segnala abuso
Pancrazio
Pancrazio 29 dicembre 2013 19:16

L’episodio accaduto con Barrichello nel Gran Premio d’Ungheria 2010 non è proprio da classificare come ‘incidente’.

Segnala abuso
Ryno Santoro
Ryno Santoro 30 dicembre 2013 15:59

Se nel sangue hai la voglia di andare e dare sempre il massimo,come si fa a dire che deve pensare solo a fare il marito e il padre….e’ un pilota che e’ sempre andato al massimo,e i suoi rischi li conosce molto bene,meglio di tutti quelli che adesso come te scrivono che deve fare il pensionato,ha sbagliato si,ma non se ne può fare una colpa,la vita è la sua,noi possiamo solo augurargli una buona guarigione,

Segnala abuso
Pacchia is over 31 gennaio 2014 09:51

gianlu se tutti si ragionasse così non si prenderebbe neanche la macchina per andare a lavoro

Segnala abuso
Valentissimo 29 dicembre 2013 19:35

Riprenditi presto campione!

Rispondi Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca loves Ferrari 29 dicembre 2013 20:19

Pancrazio, bastavano pochi centimetri e Barrichello sarebbe finito a muro: è stato un incidente sfiorato, e poi secondo me non ne valeva neanche la pena visto che si stava lottando per la decima posizione (un punto iridato).
Ai tempi della Ferrari nessuno dei due si sarebbe aspettato di lottare per posizioni così poco nobili (tranne forse nel 2005, quando la stagione della Rossa fu disastrosa) ma purtroppo per loro quelli erano altri tempi: una Mercedes di un rientrante dopo tre stagioni di inattività quarantunenne con un mezzo il cui progetto partiva da zero contro una Williams che da anni non è più un top team ma oscilla tra le posizioni di media e bassa classifica.

Rispondi Segnala abuso
Pancrazio
Pancrazio 29 dicembre 2013 22:38

Il termine da te utilizzato in questo ultimo tuo messaggio è ‘più corretto’rispetto a quello usato in precedenza, secondo il mio modesto parere.

Segnala abuso
Geniog 29 dicembre 2013 23:19

ascoltami buffone, xke non cambi sport da seguire e non commenti i forum delle barbie!? x prima cosa Schumacher nei 3 anni in Mercedes ha fatto meno incidenti di Grosjean in una stagione, e poi non mi sembra di parlare di formula1. in qst momento. riprenditi schumi!!
e tu zitto-.-

Segnala abuso
Pancrazio
Pancrazio 29 dicembre 2013 23:59

Geniog, c’e l’hai con me o con Gianluca loves Ferrari?

Rispondi Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca loves Ferrari 30 dicembre 2013 09:28

Pancrazio, credo che questo tizio ce l’abbia con me perchè io ho fatto dei commenti dettagliati mentre tu hai solo risposto.
In ogni caso non rispondo alle provocazioni (anche perchè so qual è il mio livello di competenza per quanto riguarda la Formula 1, altrimenti avrei di meglio da fare che scrivere qui) e prego perchè Michael si riprenda visto che le sue condizioni sembrano critiche!
FORZA CAMPIONE! NON MOLLARE!!!!

Rispondi Segnala abuso
Andrea ISS
Andrea ISS 30 dicembre 2013 10:13

Don’t Give up Micheal!

Rispondi Segnala abuso
KAISERSCHUMITHEBEST!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! (and Kimi too) 30 dicembre 2013 11:42

Dai Kaiser, portati a casa la tua 92° e più importante vittoria della carriera, riprenditi presto.
E sono anche sicuro di un’altra cosa: tu sei più roccia di quella roccia contro la quale hai sbattuto.
Per fortuna non è nulla di grave. Guarisci presto!!!!!!!!!!!!

Rispondi Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca loves Ferrari 30 dicembre 2013 14:29

Non smetterò di sperare in un miracolo.

Rispondi Segnala abuso
Andrea 30 dicembre 2013 17:31

Forza, vinci ance questa gara.
prego per te

Rispondi Segnala abuso
Andrea ISS
Andrea ISS 30 dicembre 2013 17:51

Anche io continuo a sperare anche Lauda nel 1976 era dato praticamente per morto dai giornali salvo poi tornare più forte di prima, forza Micheal tutto il mondo sportivo è insieme a te

Rispondi Segnala abuso
MarcoS. 30 dicembre 2013 19:04

Dai Schumi, riprenditi!
Tutti i veri sportivi, della F1 e non solo, sono con te!

Rispondi Segnala abuso
King Raikkonen
King Raikkonen 31 dicembre 2013 00:11

Dai schumy non mollare sei il migliore e vincerai ancora

Rispondi Segnala abuso
Anonimo 31 dicembre 2013 13:42

è andato ha sciare fuoripista in 1a zona a riskio valanga se l’è cercata,ma poi andare pure con il figlio,il buonsenso non è kosa sua

Rispondi Segnala abuso
Pacchia is over 1 gennaio 2014 21:12

solito redbullo ignorante

Segnala abuso
Anna B. 5 gennaio 2014 07:04

Così come il buon senso non è cosa tua e l’uso della K la dice lunga sulla tua cultura.

Segnala abuso
Fabiano Polimeni 31 dicembre 2013 13:47

Non dica cose che non sono vere. Hanno attraversato un’”isola” con alcune rocce, ma si trovava tra due ampie aree con neve battuta. Non era una zona a rischio valanghe e le foto lo confermano bene, tranne una che dà l’impressione si sciasse interamente tra massi. Purtroppo c’è stata tanta disinformazione di bassissima lega e qualità intorno all’accaduto.

FP

Rispondi Segnala abuso
Marco28
Marco28 31 dicembre 2013 15:53

Sono state dette un sacco di sciocchezze: se il luogo è davvero quello mostrato nelle foto…altro che fuori pista, chi di dovere passerà guai seri per non aver recintato la zona e/o segnalato adeguatamente il pericolo.
Come sempre forza Schumi.

Rispondi Segnala abuso
Andrea MSC 1 gennaio 2014 16:42

Come si dice in questi casi nessuna nuova, buona nuova

Rispondi Segnala abuso
Schumy14 - Forza Ferrari for ever (Forza Vale Rossi46)
Schumy14 - Forza Ferrari for ever 1 gennaio 2014 20:42

L’ho saputo solo oggi, ma ancora non ci credo che per una ****issima casualità (un masso nel nulla!) Schumacher sia in coma, fortunatamente è meno grave del terribile incidente che ha stroncato la vita ad Ayrton quel maledetto 1 Maggio a Imola.
Comunque si è ripreso nel 2009 dopo l’incidente in motocross, anche stavolta sono convinto chi si rimetterà, i veri campioni non mollano mai, FORZA SCHUMIIIIIIIIIII!

Rispondi Segnala abuso

Fortunatamente si sta riprendendo, il vecchio leone tedesco non molla mai, FORZA SCHUMI SIAMO TUTTI CON TE!

Rispondi Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca loves Ferrari 6 febbraio 2014 21:19

Chi ha scritto su Twitter della sua presunta morte si dovrebbe solo vergognare: prima di tutto è grave fare della facile ironia su eventi di questa drammaticità soprattutto perchè stiamo parlando del pilota che ha fatto la storia della Formula 1, e in secondo luogo Schumacher si riprenderà.
Ci vorrà del tempo ma ce la farà, da vecchio leone qual è!
Forza Schumi, fai vedere chi sei a questi svergognati incompetenti! Continua a combattere!

Rispondi Segnala abuso
Cobra 6 febbraio 2014 22:21

Ma che gusto c’è nel dire che è morto o che vive in stato vegetativo? Di certo che pur di fare notizia i media non sanno come gonfiarla a dovere, ma non vi state zitti e fate i seri, delinquenti!

Rispondi Segnala abuso

VERGONOSI; VERGOGNOSI; SEMPLICEMNTE VERGOGNOSI!
C’è no scusate ma qua ci voleva proprio, ma si può sapere che è il buffone che ha detto che Schumacher è morto quando è in stato vegetativo? Ma che uomo è quando si guarda allo specchio?
Micheal vinci anche queste sfida nella tua vita e getta queste m***e nella vergogna più totale (anche se lo hai gia dimostrato dal 2010 al 2012)
Forza Schumi non mollare la presa!

Rispondi Segnala abuso

Certo che chi spara queste panzane è proprio una nullità assoluta, ‘il simbolo’ del perchè il mondo fa schifo, meno male che nella Moto Gp e finalmente di nuovo nella F1 si vede un minimo di passione, entusiasmo e voglia di fare sempre meglio perchè c’è da impazzire a sentire quello che dicono queste persone, superficiali e false a livelli assurdi!

Rispondi Segnala abuso
foxreturn
Foxreturn 7 febbraio 2014 11:28

Bisogna anche dire che avevano smentito che gli stavano abbassando i sedativi,ed invece era vero.Detto questo speriamo che sia veramente una bufala.Forza Kaiser

Rispondi Segnala abuso

@ Fabiano Polimeni o la redazione (non so chi se ne occupa), potreste provare a risolvere il problema dell’avatar?
Mi piacerebbe davvero mettere la foto di Schumacher per dargli ancora più supporto!

Rispondi Segnala abuso
Pancrazio
Pancrazio 8 febbraio 2014 13:21

E’da due anni che vi è questo problema ed ancora non lo risolvono…

Segnala abuso

Spero che sia vero che abbia superat, forza Micheal continua a lottare e sconfiggi anche il destino!

Rispondi Segnala abuso
PASQUALE 21 febbraio 2014 08:51

PASQUALE DI PALO NON SO’ SE QUESTO MESSAGGIO PUO ARRIVARE A QUALCHE MEDICO O QUALCUNO INTORNO A MIKE. FATECI ASCOLTARE I ROMBI DEI MOTORI PUO AIUTARE LO STIMOLO AL RISVEGLIO SCUSATEMI SE DICO QUESTE COSE MA UN CASO ANALOGO GIA E SUCCESSO E CI SONO STATI MIGLIORAMENTI E RISVEGLIO DAL COMA SUBITO CIAO FORZA MIKE.

Rispondi Segnala abuso
Antonio Pippo 26 febbraio 2014 13:34

Quante parole senza senso…..è’ in coma indotto, poi FINITA la somministrazione di sedativi occorrerà un abbastanza lungo periodo prima che possa, ottimisticamente, riprendere conoscenza…..ed eventualmente ANNI affinchè possa definirsi accetabilmente “ripreso”…e si parla, si parla…..ma come è possibile?? Esiste forse UNA persona al mondo, magari il Primo scienziato esistente, che può dire cosa accadrà?? NO! Allora se ancora resiste, secondo me, è perchjè nel suo inconscio non si è lasciato andare, magari non sà il perchè, ma non si è mai fermato, ma è continuato ad andare avanti nel buio abisso in cui si trova per trovare l’uscita……soltanto Iddio può tiralo fori da lì! Ed allora io spero ancora…..e prego per lui: Coraggio Michael, non fermarti un solo momento e non voltarti Mai indietro….vai avanti e forse…non è impossibile che tu veda la Luce!

Rispondi Segnala abuso
ALICE 11 ANNI 6 aprile 2014 19:11

MAMMA MIA MENO MALE CHE L’HA SCAMPATA PER UN PELO!POVERETTOOOOOOOOOO
SONO VICINA A TUTTA LA SUA FAMIGLIA.BACIONIIII ALY

Rispondi Segnala abuso
foxreturn
Foxreturn 16 giugno 2014 12:55

Finalmente e speriamo bene forza Schummy tutta l’italia è con te

Rispondi Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca loves Ferrari 16 giugno 2014 12:59

Sapevo che ce l’avrebbe fatta: quando c’è di mezzo Michael Schumacher i miracoli non sono mai impossibili. Un leone con la grinta nel carattere non smette mai di lottare, non si arrende per un incidente sugli sci!
Speriamo che torni come prima, come se non l’avesse mai avuto (sarebbe un altro miracolo).
GRAZIE SCHUMI!!!! BENTORNATO!!!!

Rispondi Segnala abuso

Fortunatamente si è ripreso, sapevo che non avrebbe mollato da vecchio leone qual’è, GRANDE SCHUMY SEI UN ORGOGLIO!

Rispondi Segnala abuso

Fortunatamente si è ripreso, sapevo che non avrebbe mollato da vecchio leone qual’è, GRANDE SCHUMY!
Quando si parla lui come ha detto Gianluca i miracoli non sono impossibile, anche oggi è stato grande, GRANDE KAISER
Adesso ritorna quello di prima!

Rispondi Segnala abuso
KAISERSCHUMITHEBEST!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! (and Kimi too) 16 giugno 2014 16:13

FINALMENTE!!!
Spero davvero che possa tornare come prima.
SEMPRE E COMUNQUE FORZA SCHUMI!!!!!! FORZA KAISER CHE CE LA FARAI!!

Rispondi Segnala abuso
sagittarius53
Sagittarius53 10 settembre 2014 16:46

La (bella) notizia è “fresca”, ma i” nuovi commenti” sanno di… “MUFFA!!!!”… DERAPATE:NON PRENDERCI IN GIRO!!…

Rispondi Segnala abuso
Antonio 10 settembre 2014 17:53

Lasciamo tare tutti i commenti e le illazioni personali…..come già avevo scritto vari MESI fà e, Grazie Signore, con avvedutezza, il cervello di Michael per me era come analogia in uno stato di “Disaster Recovery” (tentativo del recupero dal disastro), avendo staccato tutte le connessioni lasciando il minimo vitale, onde cercare di “ricostruire” nuovi circuiti praticamente elettrici, che son quelli con cui vive e funziona e che vengono rilevati e son visibili nell’elettroencefalogramma ….un lavoro mastodontico e penso di estrema difficoltà. Ora è uscito dal coma…ha visto l’uscita dal posto in cui la sua coscienza si trovava…ed è Tornato. NULLA sarà più come prima…..dopo quel che ha visto…… e nessun può dire che sia una cosa negativa cambiare angolazione di veduta delle cose, non è detto che sia un peggioramento. Ora, necessiterebbe di pace e tranquillità affinchè il cervello continui l’opera mastodontica….occorre Unicamente Pazienza e parecchia: per avere un idea Reale, una conclusione veritiera sul Reale stato di salute di Michael e le reali condizioni di vita, occorrerà attendere ancora almeno 24 mesi; prima sarebbero ulteriori illazioni e previsioni smentibili da una uguale e contraria. Io prego per lui e per la sua famiglia, forte di una certezza che mi sostiene come mi sosteneva nei commenti precedenti: può farcela perchè….Iddio è il Più grande!

Rispondi Segnala abuso
Seguici