Formula 1 2014

GP USA F1 2014, ad Austin a rischio anche la Marussia GP USA F1 2014, ad Austin a rischio anche la Marussia

Un Gran premio degli Usa con appena 18 monoposto? E’ il serio pericolo che corre la Formula 1 nel week end di Austin. Altro che timori per un 2015 senza Caterham e Marussia, qui le preoccupazioni sono nell’immediato. Della situazione Caterham abbiamo già...

Ferrari F1, Alonso e le ragioni dell’addio: “Ossessionato dal vincere il terzo titolo”

F1 News, Alonso:

Intervistato da F1 Racing, Fernando Alonso riprende a parlare inglese in vista dell’imminente passaggio in McLaren-Honda e si racconta a personaggi di un certo rilievo come Damon Hill, David Coulthard, Rob Smedley e Pedro de la Rosa. Vicino all’addio dalla Ferrari, lo spagnolo spiega che per lui vincere il terzo titolo sia diventata quasi un’ossessione e che la sua voglia di primeggiare ha inevitabilmente portato alla rottura con Maranello una volta preso atto che anche la vettura del 2014 non è all’altezza delle migliori:“Voglio davvero il terzo titolo e adesso è molto difficile per me – ha ammesso – se dovessi ritirarmi senza avercela fatta so che guarderò indietro ai miei due mondiali con estremo orgoglio ma in questo momento voglio qualcosa di più. Ho sempre più fame di successi anche se so che tra qualche anno contarne due o tre o chissà quanti non farà una grande differenza. L’esserci poi già arrivato molto vicino negli anni passati, è un’ulteriore motivazione per raggiungere questo traguardo”, ha spiegato l’asso delle Asturie.

Leggi l'articolo

F1 2014, Pirelli: critiche da Vettel e Hamilton alle gomme da bagnato

F1 2014, Pirelli: critiche da Vettel e Hamilton alle gomme da bagnato

L’incidente di Jules Bianchi ha scosso l’ambiente della Formula 1. Non poteva essere altrimenti. Come ha ammesso Grosjean:“Noi piloti ci stavamo dimenticando il concetto di rischio che fa parte del nostro mestiere”. Senza incolpare la Pirelli per l’accaduto allo sfortunato pilota della Marussia, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel hanno chiesto al fornitore unico di pneumatici di fare un lavoro più specifico sulle gomme da bagnato risolvendo una criticità molto forte di quelle attuali: le full wet sono troppo lente rispetto alle intermedie e viene naturale passare a quest’ultime in fretta nonostante non sempre ci sia la sufficiente aderenza. L’azienda milanese ha accettato le critiche e, dimostrando la disponibilità ad ascoltare le proposte dei piloti, ha anche già cambiato la discussa scelta di mescole per il prossimo Gran Premio del Brasile: da hard e medium a medium e soft.

Leggi l'articolo

Ferrari, Marchionne-pensiero: rischiare e calci nel sedere a un po’ di gente

Ferrari, Marchionne-pensiero: rischiare e calci nel sedere a un po’ di gente

Da dove deve ripartire la Ferrari per costruire la lunga strada che porta alla vittoria? Per Sergio Marchionne non ci sono dubbi, si dovrà iniziare a «prendere un po’ di gente a calci nel sedere, e anche rapidamente». L’esordio da presidente, non c’è che dire, è di quelli a effetto. Parla ad Autocar, il manager italo-canadese e la ricetta è chiara: «Serva quel che serva – potremmo anche mandare in aria – ma non abbiamo niente da perdere, no? Prendiamo dei rischi». L’approccio è noto e il ragionamento di Marchionne non fa una piega, perché a furia di progetti conservativi, pensando all’affidabilità (che ti farà anche finire le gare, ma dopo gli altri), in Ferrari chi ha il compito della progettazione ha inanellato una serie di errori ormai non più perdonabili.

Leggi l'articolo

Montezemolo a tutto campo: Agnelli, Marchionne e l’addio di Alonso alla Ferrari

Luca Cordero di Montezemolo ospite a

Montezemolo spumeggiante parla di Agnelli, Marchionne e l’addio di Alonso alla Ferrari. Intervistato da Bruno Vespa nella trasmissione Porta a Porta, l’ormai ex presidente della Ferrari Luca di Montezemolo ha tolto ogni ipocrisia sul caso di Fernando Alonso. Non avendo più nulla a che spartire con il nuovo corso firmato Marchionne, ha potuto dire ciò che tutti già sapevano ma, ovviamente, affermavano con minore credibilità. Alonso è fuori dai piani del Cavallino Rampante. Alonso andrà altrove. E lo farà per due motivi:«Uno, perché vuole mettersi alla prova in un nuovo ambiente. Due, perché alla sua età non può più aspettare per vincere. Ha sofferto molto per non essere riuscito a vincere in tutti questi anni ed ora va cercando nuovi stimoli», ha spiegato l’ex capo di Maranello.

Leggi l'articolo

F1 2015, Vettel in Ferrari: “Convinto dal progetto di Mattiacci, sogno di emulare Schumacher”

F1 News, Vettel in Ferrari:

Sebastian Vettel già rilascia interviste da pilota Ferrari. Lo fa a microfoni spenti. Per il momento non ci può ancora essere nulla di ufficiale. Tuttavia il suo pensiero è chiarissimo. Ha parlato con Marco Mattiacci ed è stato convinto dal progetto di Maranello per tornare a vincere. Ci vorrà qualche anno. Ma, evidentemente, le rassicurazioni sono state tali da invogliarlo a buttarsi in un’avventura che è stata, invece, distruttiva per le velleità di un altro fenomeno del volante come Fernando Alonso. Il fatto che lo spagnolo abbia mollato dopo 5 anni di duro e vano lavoro non significa che la storia si ripeterà anche con il tedesco. Vettel, inoltre, ha uno stimolo in più e garanzie, a suo dire, sufficienti: il suo sogno di emulare il suo idolo Schumacher e la tranquillità di aver già intascato 4 titoli in abbinamento alla possibilità di portarsi tecnici di fiducia con sé. In Ferrari i grandi acquisti sono già cominciati. E chissà che, alla fine, non ci scappi pure la firma di quell’Adrian Newey corteggiato sempre invano…

Leggi l'articolo

Lewis Hamilton: quanto conosci il pilota inglese di F1? Il QUIZ

Lewis Hamilton Mercedes

Lewis Hamilton, alla guida della sua Mercedes, è in piena lotta per il titolo piloti di Formula 1 2014. Il campione inglese sta provando in tutti i modi ad aver la meglio del rivale di box, Nico Rosberg. Questa avvincente battaglia interna sta appassionando tutti gli amanti delle 4 ruote. In omaggio al pilota inglese abbiamo voluto dedicargli un divertente e appassionante gioco-quiz sulla carriera e le sue fasi salienti. Conoscete Hamilton come se fosse un Vostro parente oppure non sapete nulla dell’inglese? Cliccate sul pulsante “Inizia il Quiz” per immergervi in questo appassionante gioco. 10 domande con più risposte ciascuno. Una volta completato il quiz potrete scoprire il vostro livello di conoscenza sul forte pilota della Mercedes. Buon divertimento!

Inizia il quiz

Incidente Bianchi, il padre: “Mio figlio continua a lottare”

Jules Bianchi

Si torna a parlare dell’incidente che ha coinvolto Jules Bianchi a Suzuka in Giappone. Philippe Bianchi, papà del pilota della Marussia, ha espresso il proprio stato d’animo dopo alcuni giorni di silenzio. Suo figlio è ormai ricoverato all’ospedale di Yokkaichi in Giappone. Dal momento del terribile incidente si sono susseguite un’infinità di informazioni sulle condizioni del pilota. Mio figlio non molla, ne sono sicuro. Vincerà il suo giro di qualifica più importante.” sono state le parole del papà, riportate in un’intervista a La Gazzetta dello Sport.

  • Jules Bianchi (64)
  • Jules Bianchi (73)
  • Jules Bianchi
  • Jules Bianchi (2)
  • Jules Bianchi (3)
  • Jules Bianchi (4)
Guarda le foto e leggi l'articolo

F1 2015, Alonso: “Niente anno sabbatico, la mia scelta sarà ovvia…”

F1 2015, Alonso:

Fernando Alonso spara frasi sibilline in merito alla sua destinazione per la stagione 2015 di Formula 1:“Quando saprete cosa farò, penserete che è la cosa più ovvia”. E poi aggiunge:“Sappiate che non mi prenderò un anno sabbatico. Non resterò a piedi un anno ma al momento giusto comunicherò cosa farò del mio futuro. Ormai la decisione è stata presa da qualche mese”. Le scommesse sono aperte: qual è la cosa più ovvia per il futuro di Fernando Alonso? Andare in McLaren, si direbbe. Tutto il resto avrebbe ormai del clamoroso. Compresa la permanenza in Ferrari grazie all’eventuale e inaspettata approvazione della terza macchina per i top team. In fin dei conti, Vettel permettendo, però, cosa c’è di più ovvio che rispettare il proprio contratto fino alla scadenza del 2016? E come mai in McLaren-Honda dicono di non aver ancora preso una decisione sui loro piloti?

Leggi l'articolo

F1 2015: Vettel già in Ferrari 5 giorni dopo l’ultimo GP

F1 2014, Red Bull: Vettel già in Ferrari 5 giorni dopo l'ultimo GP

Sebastian Vettel deve attendere ancora prima di potersi ufficialmente definire un pilota Ferrari per la stagione 2015 di Formula 1. In attesa del comunicato di Maranello, registriamo un’insolita disponibilità da parte della Red Bull a liberare il pilota tedesco. Dietrich Mateschitz non fa il nome della Ferrari, ovviamente, ma spiega che Vettel è già stato escluso dal lavoro di sviluppo sulla monoposto e che sarà libero di andare a lavorare altrove già 5 giorni dopo il Gran Premio di Abu Dhabi che, lo ricordiamo, chiude la stagione 2014 il prossimo 23 Novembre.

Leggi l'articolo

Fanta F1 2014: risultati GP di Russia

Fanta F1 2014: risultati GP di Russia

Complimentissimi a Candy che stravince il Gran Premio di Russia della Fanta F1 edizione 2014. Con 75 punti, si avvicina di molto alla perfezione che, lo ricordiamo, è di 79 punti! Sul podio salgono anche Piergiorgio e Auro distanziati rispettivamente di 4 e 5 lunghezze. In classifica generale, Lugan da Silva conserva il primato ed allunga ancora su Pascal che viene superato da max20883 come avversario principale del nostro ormai consolidato leader quando mancano 3 appuntamenti al termine della stagione.
Ricordiamo che la stagione della Fanta F1 è arrivata alle ultime battute. Non perdetevi l’occasione di sparare le vostre giocate. E, se non l’avete ancora mai fatto, iniziate adesso! Cliccate qui per il regolamento.

Leggi l'articolo

Mercedes campione del mondo costruttori, la storia: da frecce d’argento al turbo

Mercedes campione del mondo Costruttori

Correvano (e vincevano), ben prima dell’istituzione del mondiale di Formula 1, le Mercedes da corsa. La storia è ricca di aneddoti, nati già negli anni Venti, quando per tre anni si disputò un Campionato Mondiale per Costruttori che, però, non aveva nulla a che fare con il mondiale poi istituito nel 1958, in quella che sarà la moderna F1. Assume così un valore storico il titolo agguantato al termine del Gran premio di Russia, con la doppietta portata a casa da Hamilton e Rosberg.
Ottant’anni dopo la definizione del termine Frecce d’Argento, i tedeschi riescono ad aggiudicarsi il primo dei due mondiali. Era il 1934 quando le Mercedes si presentarono al via del Gran premio di Germania. All’epoca ciascun team correva con i colori del proprio paese: il rosso per le Alfa Romeo, il verde per le auto inglesi e il bianco per quelle tedesche.

  • Mercedes W05, muso
  • Mercedes F1 sospesa, Paul Veroude (1)
  • Mercedes F1 sospesa, Paul Veroude (2)
  • Mercedes F1 sospesa, Paul Veroude (3)
  • Mercedes F1 sospesa, Paul Veroude (4)
Guarda le foto e leggi l'articolo

GP Russia F1 2014: il Processo al Gran Premio di Sochi [FOTO]

GP Russia F1 2014

Appassionati di Formula 1, benvenuti nello spazio dedicato al Processo al Gran Premio di Russia 2014. Tre i temi sul piatto della bilancia dopo la gara di Sochi. Innanzitutto ci chiediamo se, dopo l’ennesima vittoria di Hamilton, a tre gare dalla fine del campionato, Rosberg sia da considerare ormai battuto. Almeno moralmente, s’intende. In secondo luogo, vogliamo capire cosa ne pensate sul tema del decongelamento dello sviluppo sulle power unit: Ferrari, Renault e Honda chiedono una deroga, la Mercedes si oppone. Chi ha ragione? Infine, vogliamo il vostro bilancio sul circuito di Sochi! Dite la vostra, senza peli sulla lingua… tanto Putin non vi sente!

  • gp russia f1 2014 gara
  • podio gp russia f1 2014
  • Gp Russia F1 2014, qualifiche (76)
  • Gp Russia F1 2014, qualifiche (64)
  • Gp Russia F1 2014, qualifiche (65)
Guarda le foto e leggi l'articolo

GP Russia F1 2014: le Pagelle da 10 a 0! [FOTO]

GP Russia F1 2014: le Pagelle da 10 a 0! [FOTO]

Il Gran Premio di Russia 2014 debutta in Formula 1 ma già entra nella storia per aver scritto delle sentenze. La Mercedes si prende il campionato costruttori mentre Lewis Hamilton vince la gara e dà una brutta botta al morale di Nico Rosberg. La matematica dice che fra i due può accadere ancora tutto ma la pista racconta che ormai solo un problema tecnico può togliere al britannico la conquista del secondo alloro in carriera. Detto questo, è arrivato il momento delle nostre pagelle che, come da tradizione, vanno da 10 a 0… senza conoscere mezze misure!

Leggi l'articolo

GP Russia F1 2014, Red Bull: Mercedes non tema la competizione!

GP Russia F1 2014 a Sochi, la Gara

Tra gli sconfitti a Sochi c’è anche la Red Bull. Forse anche più della Ferrari, perché una Rossa riesce a star comunque davanti a Ricciardo, entrambi accomunati da un distacco imbarazzante. Va detto, però, di come Daniel sia stato costretto a una sosta anticipata, causa problema sulla gomma anteriore sinistra e non sappiamo se con una strategia regolare sarebbe stato davanti ad Alonso. Fatto sta che rimedia 62 secondi da Hamilton e Vettel 66. «Ho fatto il massimo possibile, ero vicino con il Drs ma mai abbastanza. Sul rettilineo non ho avuto la velocità per passare, ho provato ma non c’era tanto spazio, poi Fernando ha tanta esperienza e non fa errori per poterne approfittare», dirà raccontando la battaglia tra “poveri” per il sesto posto.

Leggi l'articolo

GP Russia F1 2014, Williams: Bottas a podio, Massa bloccato dal traffico

GP Russia F1 2014 a Sochi, la Gara

Ancora un podio, ancora con Bottas. Possibile che la Williams non riesca ad azzeccare del tutto una strategia ed essere reattiva quando la gara assume pieghe diverse dal previsto? C’era l’opportunità di finire davanti a Rosberg, forse, sul podio del Gran premio di Russia, se al muretto avessero seguito la progressione del tedesco e anticipato la sosta di Valtteri, rimandandolo in pista davanti e provando a sfruttare la gran velocità sul dritto della FW36. Invece, l’”ennesimo” gran terzo posto, con la sensazione che si potesse cercare il colpaccio. «Bottas sta dimostrando il gran talento che è, siamo contenti di averlo con noi e oggi ha fatto una gara quasi perfetta. Non so se sarebbe andata diversamente con un’altra strategia, le Mercedes erano di un altro pianeta, dobbiamo solo fare loro le congratulazioni per la vittoria del mondiale Costruttori», dice Claire Williams a fine gara.

Leggi l'articolo
Seguici