Video motoGP: gli incidenti più pericolosi della storia

Video motoGP: gli incidenti più pericolosi della storia
  • Commenti (7)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Incidente Motogp

Ap/LaPresse

L’approfondimento di oggi è dedicato agli incidenti più pericolosi della MotoGP. Passeremo in rassegna alcune delle pagine più particolari dell’albo dei ricordi del Motomondiale, dopo che la settimana scorsa, ci siamo occupati della descrizione dei modelli più particolari della gloriosa storia della Ducati Corse. Sono due, nel particolare, gli episodi più vivi nella memoria degli appassionati delle due ruote: Kato e Tomizawa.

Dopo aver passato in rassegna i piloti più vincenti della storia del Motomondiale , oggi, la nostra redazione si dedica agli incidenti più pericolosi della storia della MotoGP, sfogliando alcune delle pagine più significative, ma anche più malinconiche della Top Class delle due ruote.

  • Shoya Tomizawa

Il pilota giapponese muore a causa di un grave incidente durante il GP di San Marino 2010, disputatosi presso il circuito di Misano il 5 settembre 2010. Al dodicesimo giro, in un tratto del circuito in piena accelerazione, il pilota cade dopo aver perso aderenza al posteriore, venendo investito dai piloti che immediatamente lo seguivano: Alex De Angelis e Scott Redding.

  • Daijiro Kato

Il 6 aprile 2003 durante la MotoGP a Suzuka, Kato dopo 3 giri perse il controllo della sua moto e picchiò violentemente sul muro poche decine di metri prima della chicane Casio (detta “del triangolo”) ad una velocità di circa 140 km/h.

  • Valentino Rossi, Valencia

Il pilota di Tavullia perde il controllo della sua M1 e finisce rovinosamente per terra sul rettilineo. Solo un colpo di fortuna evita conseguenze peggiori di qualche ammaccatura.

  • Dani Pedrosa, Motegi 2010

Pedrosa ha perso il controllo della sua Honda, venendo sbattuto violentemente sull’asfalto e rimediando una triplice frattura scomposta della clavicola sinistra.

  • Jorge Lorenzo

Il pilota spagnolo della Yamaha, prima di maturare sportivamente e laurearsi nuovo campione del mondo, era solito a scivoloni e cadute, proprio come questo high side.

  • Randy de Puniet 2010

Nel terribile schianto è proprio il francese della Honda ad avere la peggio con la rottura della gamba, ma è riuscito a tornare in pista in tempo di record.

815

Fonte | motogp.com

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mer 03/11/2010 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Gianluca loves Ferrari
Gianluca 3 novembre 2010 21:51

Mi chiedo perchè tra gli incidenti più pericolosi sia stato inserito quello di Rossi a Valencia 2007 e non quello del Mugello 2010, dove si è fratturato tibia e perone dicendo addio al titolo.

Rispondi Segnala abuso
MH 3 novembre 2010 23:26

Ma siete seri?
Mi sa che la storia non è il punto forte di chi ha scritto questo articolo …

Rispondi Segnala abuso
Jorge 4 novembre 2010 09:10

fosse solo la storia….L’autore è solito scrivere articoli inutili in grande quantità: l’importante è che all’interno dell’articolo ci sia VALENTINO ROSSI.

Segnala abuso
Gaudio96
Gaudio96 4 novembre 2010 08:51

Un altro incidente pericoloso era quello di Barcellona 2006,dove era caduto Gibernaou e si era portato dietro nella caduta Melandri,Capirossi e mi sembra qualche altro pilota,poi corregetemi se sbaglio.

Rispondi Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca 4 novembre 2010 15:47

Se non ricordo male i piloti coinvolti nell’incidente al via di Barcellona 2006 furono Gibernau, Capirossi, Melandri, Hopkins e De Puniet.

Segnala abuso
Fisherman
Fisherman 4 novembre 2010 15:12

Ma perchè dovete pubblicare questi articoli inutili?
Ci godete così tanto a vedere un pilota che quasi si ammazza?

Rispondi Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca 4 novembre 2010 15:48

Due settimane fa è stato scritto un articolo anche sugli incidenti più pericolosi della Formula 1.

Rispondi Segnala abuso
Seguici