Video incidente GP Ungheria: meccanico Williams con costola rotta

Video incidente GP Ungheria: meccanico Williams con costola rotta
  • Commenti (12)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

C’è un detrito in pista durante il GP d’Ungheria. Entra la safety car per consentire ai commissari di spostarlo. La macchina di sicurezza, però, fa più danni che altro. Bilancio finale: un meccanico Williams ferito e trasportato in ospedale, tre bei protagonisti di questa stagione di Formula 1 come Nico Rosberg, Robert Kubica e Adrian Sutil costretti al ritiro. A ciò aggiungiamo uno spavento formato gigante subito dai meccanici Force India e Renault che hanno assistito a pochi centimetri di distanza all’impatto tra i loro due piloti!

MECCANICO WILLIAMS. Se l’è cavata con una costola rotta. Il meccanico della Williams che ha avuto un incontro ravvicinato del quarto tipo con la ruota posteriore della Mercedes GP di Nico Rosberg si chiama Nigel Hope. Un nome, un auspicio. E’ l’autista del camion del team di Grove. Trasportato al centro medico, gli è stata diagnosticata solo una frattura alla costola “Quando ho sentito che la mia gomma aveva colpito ‘big Nige’, ero più preoccupato per la mia gomma che per lui!”,ha scherzato Rosberg. Il pilota tedesco conosce bene Hope in quanto è stato pilota Williams per 4 anni dal 2006 al 2009

SAFETY CAR. Nei giorni scorsi avete visto un po’ di atletica in Tv? C’erano i campionati europei di Barcellona. Ecco: quello è sport. Il più forte parte primo e arriva primo. Se per caso qualcosa lo disturba, in certi casi la corsa viene persino ripetuta. Mi immaginavo una maratona folle o una 50km di marcia dove, ad un certo punto, quello che è in testa viene fermato per “ricompattare il gruppo”. Ma come? Aveva sudato come un disgraziato per accumulare vantaggio ed ora viene annullato? E’ assurdo, non trovate? Perché in Formula 1, invece, accede questo? Beh, per questioni di sicurezza! Tralasciando il fatto che stavolta la presunta sicurezza si è trasformata in un caos bestiale in corsia box, mi chiedo se non si ricorra un po’ troppo spesso alla safety car con l’evidente scusa di movimentare una gara altrimenti noiosa. Ecco: se devo scegliere tra noia o vincitori casuali, preferisco mille volte la noia. L’alternativa è il non-sport. E’ la farsa. Per maggiori informazioni chiedere a Vettel che nel GP d’Ungheria avrà pure fatto una boiata pazzesca a farsi staccare dalla safety car ma fino a prima navigava solitario fischiettando l’inno tedesco…

432

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 05/08/2010 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Azimuth 5 agosto 2010 13:05

Se la pitlane fosse rimasta chiusa…
AZi

Rispondi Segnala abuso
Zio Ture 5 agosto 2010 14:19

E’ incredibile come la Fia possa aver lasciato una lacuna sul regolamento cosi’ pericolosa e contro lo sport.
Forse perche’ puo’ ancora manipolare le gare con la Safety car ?
La Pit-lane deve essere chiusa un giro o due giri prima che la Safety entri in pista. Per chi entra una bella penalizzazione !

Rispondi Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca 5 agosto 2010 14:26

Manuel, non hai tutti i torti dicendo che la safety car viene spesso fatta entrare per movimentare le gare, ma la realtà è che, come è accaduto sempre, la vettura di sicurezza entra quando in pista ci sono stati incidenti o quando vi sono detriti da rimuovere.
Comunque la colpa di quanto è accaduto a Budapest è innanzitutto dei meccanici Mercedes che, evidentemente, non hanno saputo montare adeguatamente la gomma a Rosberg, ma è anche di Sutil: vedi che c’è una vettura davanti alla tua che sta ripartendo davanti a te, non vuoi frenare per evitare la collisione???
Il meccanico della Renault che aveva in mano il lollipop, invece, è fuori da ogni colpa poichè, a quanto sembra, non aveva visto la Force India di Sutil arrivare da dietro.
Auguri di pronta guarigione al meccanico della Williams Nigel Hope!

Rispondi Segnala abuso
Zio Ture 5 agosto 2010 16:46

La colpa non è dei meccanici Mercedes, ma del caos più assoluto quando entra la safety car e la pitlane rimane pericolosamente aperta. Questa situazione è critica e ancora più pericolosa in caso di pioggia e safety car assieme. Hai dimenticato l’incidente tra Kubica e la Force India ?
Praticamente due incidente contemporaneamente, non credo sia un caso ma una chiara situazione da evitare in futuro.
Ma sappiamo che la FIA deve controllare in qualche modo le gare allora vedremo dei circuito orrendi, per salvare la pelle del pilota, ma delle situazioni simili in cui rischiano i Meccanici e gli addetti ai lavori, tanto la loro vita non vale una cippa…..

Segnala abuso
fabri88
Fabri88 5 agosto 2010 21:08

Il meccanico Renault con il lollipop secondo me ce le ha e come le responsabilità! Se non ha visto Sutil arrivare è solo colpa sua dato che è quello il suo compito! Se c’è qualcosa che non va, il lollipop deve rimanere abbassato, ed è quello che NON è successo. E comunque è assolutamente giustificata la sua distrazione perchè in quel momento c’era una ruota che rimbalzava tra i meccanici…Non è mica facile restare lucidi in quelle situazioni.

Segnala abuso
Sconosciuto
Sconosciuto 6 agosto 2010 09:47

Quella gomma aveva una forza cinetica in grado di mandare in coma per 2 mesi qualcuno, se lo avesse beccato dritto in capa!!!
La Fia deve modifcare qualcosina, non è possibile continuare così.

Segnala abuso
Clacson 5 agosto 2010 14:55

Prima la tenevano chiusa in caso di SC,poi l’hanno riaperta,ora vogliono richiuderla,forse il vero problema sono: la FIA ,i commissari,i giudici etc,i quali continuano a dimostrare la loro incompetenza,basata su tanto pressapochismo e improvvisazione,basterebbe fare un tavolo di confronto con i piloti “attuali”,le scuderie e i direttori sportivi,invece di portare come tecnici, ex piloti come Frenzen, Herbert etc,che ormai fuori da anni, non hanno piu’ nulla a che fare con l’attuale F1.Ma la FIA di oggi e’ questa e…dobbiamo sorbircela!Il fantasma di Mosley,continua a colpire ancora.

Rispondi Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca 5 agosto 2010 21:25

Chissà quante ne vedremo a Spa: lì al 99% vedremo la safety car in pista!

Rispondi Segnala abuso
giulio46
Giulio46 5 agosto 2010 22:52

Speriamo di no.

Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca 5 agosto 2010 23:02

Anch’io spero di no, ma storicamente a Spa gli incidenti si susseguono e la safety car stravolge l’esito delle gare, come spesso sta accadendo quest’anno.

Rispondi Segnala abuso
Sconosciuto
Sconosciuto 6 agosto 2010 09:44

La SC si sta rivelando utile per la Mclaren, perchè in Ungheria Hamilton aveva passato Massa grazie alla SC.
Ma, grazie al cielo, è stato punito dal destino, tiè.

Segnala abuso
Sconosciuto
Sconosciuto 6 agosto 2010 09:25

Diciamo grazie alla Fia per il sistema di montaggio delle gomme che ha fallito, facendo danni nei box.
La SC era entrata per una ****ata,non c’era nessun motivo di farla entrare, le bandiere gialle nella zona dove c’era l’alettone bastavano, però, con la SC hanno creato la situazione perfetta per fare sorpassare Hamilton a Massa, e fare un pò di confusione, altrimenti sarebbe stato un GP noioso.

Rispondi Segnala abuso
Seguici