Superbike Monza 2012: Infront risarcisce “a metà” gli spettatori

Superbike Monza 2012: Infront risarcisce “a metà” gli spettatori

sbkriders1 large

Dopo due settimane dal Gran Premio di Monza che ha scatenato molte polemiche fra i tifosi delle Superbike viste le scelte prese dalla direzione gara e il comportamento dei piloti, la Infront Motor Sports è tornata sulle sue prime dichiarazioni riguardo un possibile rimborso dei biglietti agli spettatori paganti, che hanno assistito si allo spettacolo delle cosiddette “gare di contorno” Supersport e Superstock, ma hanno visto correre per soli 8 giri i piloti della SBK. La società dichiara che: l’anno prossimo tutti gli spettatori che si presenteranno con un biglietto/abbonamento valido per l’ingresso alla gara del 2012 avranno accesso ai paddok gratuitamente, offerta valida solo per la giornata della gara del 2013.

La società promotrice del campionato mondiale Superbike nelle sue dichiarazioni sostiene di aver fatto tutto quanto in suo potere per far svolgere come da programma tutte le gare della Domenica, ma a causa delle avverse condizioni meteo si è vista costretta a porre davanti allo spettacolo la sicurezza dei piloti; Qui il comunicato ufficiale di Infront:

“Infront Motor Sports desidera comunicare quanto segue in relazione alla gara del Campionato Mondiale eni Superbike che si è svolta all’Autodromo Nazionale di Monza nel weekend dal 4 al 6 Maggio scorso. Nonostante tutti i tentativi per procedere al normale svolgimento delle attività sportive della domenica, purtroppo è stato necessario modificare il programma a causa delle avverse condizioni meteorologiche abbattutesi sul circuito monzese. Per Infront Motor Sports la sicurezza dei piloti è sempre la priorità numero uno quando viene organizzato un evento sportivo motoristico.

il comunicato continua dicendo che lo spettacolo offerto è stato comunque di alto livello visti tutti gli eventi di contorno organizzati per i 25 anni del campionato Superbike come l’esposizione delle moto storiche che hanno portato i grandi piloti alla conquista di vittorie e mondiali, ma anche la presenza di questi stessi grandi campioni, quali: Carl Fogarty, Troy Bayliss, Troy Corser, Doug Polen e Fred Merkel e il solito Superbike Village con al suo interno molti stand e attrazioni:

Ci preme d’altra parte sottolineare che, nel complesso, l’intrattenimento offerto nel corso del weekend è stato comunque di grande livello. Gli eventi collaterali organizzati per celebrare i 25 anni del Campionato hanno compreso un museo con l’esposizione delle moto storiche più titolate in Superbike, la presenza di grandi piloti del passato tra cui spiccavano Carl Fogarty, Troy Bayliss, Troy Corser, Doug Polen e Fred Merkel, il Superbike Village con le sue attrazioni e tante altre iniziative.

Inoltre si sono svolte regolarmente le prove di venerdì e sabato, la Superpole, le gare Supersport, Superstock 1000 e Superstock 600 e gara 2 Superbike, anche se è stata interrotta dopo otto giri, ha comunque offerto uno spettacolo molto emozionante.”

Infine, ecco il punto cruciale del comunicato, ovvero “il rimborso”:

“Per venire incontro a tutti gli appassionati, Infront Motor Sports in accordo con l’Autodromo Nazionale di Monza ha deciso di permettere l’entrata gratuita al Paddock per la giornata di domenica dell’evento di Monza 2013 a tutti coloro che presenteranno il tagliando valido per la domenica o l’abbonamento della gara Superbike 2012. Con questa decisione speriamo di fare cosa gradita a tutti gli appassionati che il prossimo anno potranno accedere gratuitamente al ‘cuore’ del Campionato Superbike con la possibilità di incontrare dal vivo tutti i loro campioni.”

Ciò detto, viene instintivo pensare a quanti fans abbiano ancora in loro possesso il biglietto della gara brianzola, personalmente penso che siano pochi visto anche l’umore che regnava fra gli spettatori nel post-gara e la voglia di “abbandonare” ogni ricordo riguardo a quello che è stato un brutto week end motoristico, inoltre questa dichiarazione da parte di Infront può sembrare quasi un contentino che l’organizzazione ha deciso di dare agli spettatori visto che comunque chi vorrà assistere alla gara del prossimo anno che si svolgerà a Monza, dovrà pagare regolarmente il biglietto sborsando minimo 75€, sempre che il prezzo non salga ancora, cosa che sembra un controsenso in quanto se si parla di un rimborso è implicito e sottoiteso che sia l’organizzazione a fornire i biglietti agli spettatori e non che il pubblico debba pagare normalmente il biglietto per assistere alla gara avendo come omaggio solo l’ingresso ai paddok, che la Infront avesse fatto meglio a non fare queste dichiarazioni?
Che ne pensate?

767

Segui Derapate

Lun 21/05/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Sandro 16 giugno 2012 21:53

Sono pienamente d accordo, Io sono ancora in possesso dei biglietti e sicuramente non gli regalerò altri soldi, con l ingresso ai paddock mi pulisco il c..o! . Dopo Monza ho perso interesse per quella che un mio amico chiama la serie b delle moto, un vero peccato.
Saluti da un ex tifoso di checa.
Forza Giuliano, mandiamo in pensione le tre grazie (Biaggi, Melandri, Checa )

Rispondi Segnala abuso
Seguici