MotoGP Qatar 2014, la storia: 2004-2013 [FOTO e VIDEO]

MotoGP Qatar 2014, la storia: 2004-2013 [FOTO e VIDEO]

MotoGP Qatar 2014: Highlights della gara

Guarda il video della gara del Qatar 2014 sul circuito di Losail, che aveva visto primeggiare Jorge Lorenzo, davanti a Valentino Rossi e a Marc Marquez. Quarto Dani Pedrosa. Il Dottore era tornato sul podio al debutto, di nuovo, sulla Yamaha, dopo una splendida gara in rimonta. Buona visione.

FacebookTwitter

Il countdown è ormai agli sgoccioli per chi, impaziente, aspetta il via della stagione 2014 della MotoGP che si preannuncia più viva che mai. Gli appassionati dovranno attendere solo qualche giro di lancette prima di poter respirare di nuovo l’aria del motomondiale.
Si parte proprio da Losail in Qatar, nello scenario “scintillante” della gara in notturna, prima tappa abituale, dove le tre classi più prestigiose delle due ruote avranno modo di raccogliere già i primi frutti di quanto seminato durante l’inverno. Le squadre e i piloti sono motivati e per il settimo anno consecutivo saranno le luci del circuito “del deserto” ad illuminare ulteriormente le stelle della MotoGP. Ripercorriamo insieme le gare corse nel deserto di Doha, dal 2004 fino alla stagione scorsa.
Ci siamo, il buio calato sulle corse durante la pausa invernale sta per essere risucchiato dalla luce del Qatar, si accendano i motori! GARA LIVE dalle 19.15 ora italiana. Con noi potrete seguirle in Diretta. CLICCA QUI!

Tanti i piloti che hanno lasciato il segno sul tracciato posizionato vicino alla città di Doha. C’è tanta Spagna, Australia e Italia in Qatar, questi i paesi più vincenti nella tappa medio orientale del Motomondiale. Nel 2004, anno del debutto, fu l’iberico Sete Gibernau a trionfare nella classe regina, le edizioni successive furono un affare quasi esclusivo di Valentino Rossi e Casey Stoner. Il marchigiano trionfò tre volte in sella alla Yamaha, ma la palma del più vittoria spetta al campione del mondo in carica Stoner che tagliò per primo il traguardo per 5 volte, 4 nella Top Class e una in 250, nelle sue esperienze maturate con Ducati e Honda. Da Losail sono tornati con un sorriso anche piloti arruolati nelle classi minori e che ora gareggiano nella classe regina delle due ruote. Non possiamo dimenticare Jorge Lorenzo che dominò la scorsa stagione in MotoGP, le edizioni 2006 e 2007 su Aprilia e nel 2004 si confermò leader nella 125cc, Hector Barbera (250cc nel 2009), Alvaro Bautista (125cc nel 2006) e Stefan Bradl (Moto2 nel 2011).

GP Qatar 2004 – Gibernau aprì le danze

foto2

La prima edizione del Gran Premio in Qatar se l’aggiudicò l’iberico Gibernau. Il pilota catalano della Honda battè di oltre un secondo il compagno di squadra Colin Edwards e di quasi 24 secondi il connazionale Ruben Xaus. Hayden si posizionò quinto seguito a ruota dalla Honda di Max Biaggi. Harakiri di Carlos Checa; il campione del mondo di Superbike nel 2011 dopo aver conquistato la pole position si ritirò dopo 19 giri. Tra i forfait eccellenti di quella annata rientrano quelli di Melandri, Capirossi e Rossi vittima di un incidente dopo appena 5 giri. Nella classe 125cc fu battaglia tra Jorge Lorenzo e l’italiano Andrea Dovizioso giunti contemporaneamente al traguardo. L’ex-aequo non fu sbrogliato neanche dal fotofinish e i giudici di gara assegnarono la vittoria al maiorchino autore del giro più veloce.

GP Qatar 2005 – Primo acuto di “The Doctor”

small_120406 120259_to290905spo_0060

L’anno successivo, la tappa a Losail, 14esima della stagione, fece registrare l’affermazione di Valentino Rossi davanti alle due Honda di Melandri e Hayden ora compagno di squadra del marchigiano. Loris Capirossi arrivò decimo nonostante la conquista della pole position; nella classe 250cc fece capolino Casey Stoner che in sella alla sua Aprilia regolò sia Lorenzo che Dovizioso.

GP Qatar 2006 – Rossi si riconferma il più forte

Nel 2006, la seconda uscita stagionale del Motomondiale in Qatar confermò il momento di gloria di Rossi issatosi per la seconda volta consecutiva sul gradino più alto del podio. Il pluricampione di Tavullia distaccò di quasi un secondo la Honda di Hayden, terzo Capirossi. Stoner, promosso nella classe regina si difese classificandosi quinto ad oltre sette secondi dal marchigiano.

GP Qatar 2007 – L’anno di Stoner

Nel 2007 il trend cambiò e il vento iniziò a soffiare nella direzione dell’australiano che in quella stessa stagione conquistò il suo primo titolo mondiale alla guida della Ducati. In quell’occasione Stoner e Rossi si diedero battaglia senza esclusione di colpi, ma alla fine, grazie alla maggiore velocità raggiunta dall’australiano sui rettilinei, il centauro di Southport la spuntò vanificando la pole position strappata da Rossi. La stagione sorrise anche a Lorenzo, vincitore della tappa in Qatar e del suo primo titolo nella classe 250cc.

GP Qatar 2008 – Il bis di Casey

stoner1024

Nel 2008, il tracciato di Losail aprì il campionato e vide subito assoluto protagonista Stoner. L’australiano rifilò oltre 5 secondi all’esordiente di belle speranze Jorge Lorenzo, vincitore della pole position ma che alla fine dovette inchinarsi allo strapotere del neo campione del mondo. Giornata grigia per Rossi mai entrato in gara e giunto solo quinto a 13 secondi dalla vetta.

GP Qatar 2009 – Non c’è due senza tre

MotoGP+of+Qatar+7zVTYboSqv0l

Nel 2009, il Motomondiale debuttò per l’ennesima volta in Qatar. Fu l’anno del nono e ultimo titolo messo in bacheca da Valentino Rossi, ma la tappa medio-orientale se l’aggiudicò Casey Stoner per la terza volta di fila. Quella giornata per l’australiano resterà memorabile per moltissimo tempo visto che il pilota al suo penultimo anno alla Ducati vinse tutto, mettendo la sua firma su giro più veloce, pole e Gran Premio. Agli altri non restò che raccogliere le briciole con il secondo posto di Rossi a quasi 8 secondi di gap e il terzo scalino conquistato da Lorenzo distaccato di oltre 16 secondi.

GP Qatar 2010 – Risale in cattedra Valentino

Rossi in dark 2010

Nel 2010 Rossi sempre in sella alla Yamaha torna a ruggire vincendo la corsa sul tracciato in prossimità di Doha. Smentendo tutti i pronostici della vigilia che vedevano favorito manco a dirlo Stoner, il marchigiano s’impose su Lorenzo e Dovizioso. In molti si chiedono se l’esito di quel Gran Premio sarebbe stato identico se l’australiano non fosse caduto rovinosamente al quinto giro dalla partenza, una scivolata che lo ha costretto al ritiro.

GP Qatar 2011 – Ancora Stoner

small_110321 153528_To210311est_01405

Sulla falsariga di ciò che accadde nel 2009, il Gp del Qatar dell’anno scorso, prima tappa del Mondiale, fece esultare subito la nuova leva della Honda. Stoner si confermò insuperabile sia nella pole che in gara e a nulla valsero le resistenze di Lorenzo e Pedrosa giunti dietro l’australiano, battuti nonostante una buona prova. Quel Gran Premio rappresenta anche l’inizio del declino di Valentino Rossi passato in forza alla Ducati nel corso dell’estate, giunto settimo e di fronte a enormi problematiche che lo accompagnarono per tutta la stagione, grattacapi mai risolti nonostante gli sforzi profusi.

GP Qatar 2012 – Lorenzo re della notte

MotoGp Foto Gp Qatar 2012

  • Il Podio del Gran Premio
  • Foto ufficiale con Edwards e Rossi
  • Casey Stoner
  • Dani Pedrosa
  • Mattia Pasini

Non cambiano i nomi ma si invertono le posizioni. Si pensava che Stoner fosse ancora imprendibile, come ha dimostrato nel 2011, invece lo sgambetto gli viene pure dal suo compagno di scuderia, nonché, ancor più pesante, da Lorenzo e della Yamaha. Il campionato sembrava dovesse seguire un po’ ciò che l’anno prima abbiamo visto tutti; invece Lorenzo amministra e attacca nel momento giusto e fa sua un’importantissima vittoria che alla fine rispecchierà l’esito dell’intero campionato, ovvero: Jorge Primo e Pedrosa secondo. Terzo quindi uno spento Stoner, malissimo Rossi.

Il ritorno di Valentino Rossi

MotoGP Qatar 2013, gara

  • MotoGP Qatar 2013, immagini della gara
  • MotoGP Qatar 2013, immagini della gara (2)
  • MotoGP Qatar 2013, immagini della gara (3)
  • MotoGP Qatar 2013, immagini della gara (4)

Lorenzo, con il suo ritmo insostenibile ha creato il vuoto dietro di sé e mette il suo primo sigillo in questa stagione. Gara perfetta che rispecchia l’intero andamento di quanto visto durante prove e qualifiche. Tra i nomi dei protagonisiti, spunta sicuramente quello di Valentino Rossi che dopo un avvio un po’ in ombra, si accende nella seconda metà della gara e risale 4 posizioni con un bel duello con i piloti Honda. Esordio d’altri tempi per Marquez che conquista il terzo gradino del podio, costretto a cedere quello più alto proprio a Valentino che lo ha beffato nel finale. Pedrosa, arrembante nei primi giri, ha dovuto arrendersi nel finale a causa probabilmente di un degrado alle gomme un po’ anticipato. Molto indietro invece la Ducati e Dovizioso che nelle qualifiche avevano mostrato ottime possibilità di fare bene.

1514

Vedi anche:

Valentino Rossi QUIZ: quanto conosci il pilota italiano della MotoGP?
Quando avviene il primo contatto di Valentino con il mondo dei motori?
  • 1989
  • 1991
  • 1994
Rispondi
Piloti MotoGP 2014: chi diventerà Campione del Mondo? VOTA!
Segui Derapate

Gio 20/03/2014 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Vincenzo 4 aprile 2013 14:09

Allo scrivente:…..ma perché non ricordi che nel 2012 Stoner ebbe seri problemi all’avambraccio che ne condizionò il rendimento a fine gara e lo relegò al terzo posto ????????

Rispondi Segnala abuso
Vincenzo 4 aprile 2013 14:18

Sempre allo scrivente:….e perché, riferito al 2007, continui a dire che la Ducati grazie alla sua velocità nei rettilinei si aggiudicò il gp. Voglio solo ricordarti due cose, 1) il rettilineo in un circuito rappresenta nella migliore delle ipotesi soltanto il 20%. in genere il 05-10 %; 2) negli ultimi due giri finali Stoner praticamente volò a ritmi impossibili facendo anche il miglior crono………..ah ! dimenticavo le bridgestone !!
Beh, con lo stesso motore e le stesse gomme…….altri piloti non hanno mai vinto in Qatar (se per questo nemmeno un mondiale); credo, sommessamente, che, oltre ad un motore e le gomme, per vincere in Qatar, ma questo in generale vale sempre, ci vuole anche il terzo imprescindibile elemento: il manico…….e con una Ducati era necessario un manico superiore, supremo direi !!
Forza Ducati, forza Rossi e Marquez, e come sempre
Viva la Motogp !!!!murnsBan 111

Rispondi Segnala abuso
Seguici