Maria de Villota: una donna torna in F1

Maria de Villota: una donna torna in F1
  • Commenti (12)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Maria de Villota marussia tester f1

Maria de Villota si sta avvicinando sempre più alla Formula 1. Nella foto qui in sopra la vedete mentre prende confidenza con la Lotus. L’immagine risale allo scorso anno quando fu sfruttata per alcuni eventi promozionali. Stavolta la donna pilota spagnola della quale abbiamo già parlato in altri articoli, fa un altro piccolo passo in avanti diventando la test driver del team Marussia e ipotecando la partecipazione ai test dedicati ai debuttanti previsti per fine stagione. L’ultima collega ad arrivare ad un livello analogo fu Katherine Legge nel 2005.

Maria de Villota: donna pilota con la Marussia

Maria de Villota non è l’ultima arrivata. Si è data da fare in Formula 3, Superleague Formula 1 e nel Campionato Turismo WTCC. “Sono contenta di far parte della Marussia F1 come test driver. E’ una fantastica occasione per la mia carriera visto che mi darà la possibilità di guidare una monoposto di F1 nei test di fine anno ad Abu Dhabi”, ha dichiarato la de Villota. Altra opportunità per la pilotessa spagnola sarà quella di essere presente ai Gran Premi:“Seguirò il lavoro del team dai box - ha aggiunto – non vedo l’ora di arrivare al primo GP. La mia ambizione è quella di correre in F1″

292

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mer 07/03/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Gianluca Kimi RB
Gianluca RB 7 marzo 2012 20:20

questa correva in quella serie dove le auto avevano marchi di squadre di calcio se non sbaglio… però non ricordo il nome della serie

Rispondi Segnala abuso
Jim Clark
Jim Clark 8 marzo 2012 22:42

Dovrebbe essere Super League Formula

Segnala abuso
massj
Massj 7 marzo 2012 22:46

Avendola presa la Marussia, mi sa di operazione marketing per avere una visibilità che altrimenti in pitlane non hanno. Immagino già che Mazzoni in ogni gran premio non mancherà di dire che la Marussia è in ultima fila ma ha ingaggiato una donna che correrà nei test di fine anno… Stella Bruno la intervisterà un GP sì e uno anche per sapere le sue impressioni sulla gara. D’altra parte avendo perso la casa dei nonni di Barrichello a pochi passi dal circuito di Interlagos, ci vorrà qualcosa di nuovo da dire.

Rispondi Segnala abuso
Vator
Vator 7 marzo 2012 23:26

Talento o mossa di marketing?!

Rispondi Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca 7 marzo 2012 23:51

Spero che Maria De Villota possa davvero coronare il suo sogno di correre in Formula 1, ma le donne hanno già poca esperienza nella massima categoria: se poi le metti anche a bordo di trattori come la Marussia (seppur solo come test-driver) rischi di ottenere tutto fumo e poco arrosto!

Rispondi Segnala abuso
Francesco F1 Team
Francesco F1 Team 8 marzo 2012 00:51

Ma dove sono arrivati questi team??? che schifo che mi fanno.. cosa non si fa con il potere dei soldi.. ridicoli..
Come dire.. tra poco faranno correre anche i bambini figli dei ricconi che chiederanno al papà di fargli fare un giretto su una macchina di formula uno. poco importa se la distruggeranno.. tanto papà con i soldi paga tutto!!!!
Ma ritiratevi dalla formula uno che sta diventando sempre più una pagliacciata con queste cose!!!

Rispondi Segnala abuso
Bisy 8 marzo 2012 16:08

Ben venga una donna in formula uno….pensate quanti anni ci sono voluti per avere un pilota nero….in quanto alle squadre di bassa classifica, ben vengano, anzi ce ne dovrebbero essere di più, perchè danno la possibilità a più piloti di emergere…..vi ricordate Arturo Merzario e la sua vettura omonima, quessla si era un trattore, però lui insisteva e a nessuno dava fastidio, anzi

Segnala abuso
Tplink 9 marzo 2012 23:38

Der+Boy+us+ZÃ ect.
è un mezzo uomo

Segnala abuso
Darius 8 marzo 2012 19:59

un conto è fare dei test, un altro dover gareggiare dei gran premi, c’è una bella differenza. Mi dispiace dirlo, non voglio fare il maschilista, ma la f1 è uno sport piu’ estremo di quello che si vede da fuori, quando si è nell’abitacolo il corpo è messo a dura prova da varie sollecitazioni che francamente una donna non potrebbe mai sopportare, gia’ molti uomini faticano…So che ci sono state varie donne in passato in f1 ma non hanno mai brillato e non credo che inizieranno di certo ora: l’ultima fu Giovanna Amati se non sbaglio, ma sono passati 20 anni e la f1 è cambiata totalmente, certo forse ora le vetture sono piu’ facili da guidare, ma forse a livello fisico è piu’ dura adesso

Rispondi Segnala abuso
Tetsuya 9 marzo 2012 23:29

mah che nozioni di anatomia… der boy vai a confezionare la cioccolata insieme alle marmotte va!

Rispondi Segnala abuso
Tetsuya 10 marzo 2012 14:11

rimane il fatto che hai detto una scemenza, tutto qua.

Rispondi Segnala abuso
Tetsuya 10 marzo 2012 22:05

d’altronde capisco la tua misoginia dato il paese da cui vieni http://www.svizzera.cc/la-condizione-femminile-in-svizzera.html

Rispondi Segnala abuso
Seguici