F1 2013: la FIA chiede auto più lente

F1 2013: la FIA chiede auto più lente
  • Commenti (42)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

f1 2013 regole FIA

La FIA si sta avvalendo della collaborazione di due mostri sacri nell’ambito della Formula 1 moderna, vale a dire Patrick Head e Rory Byrne, al fine di portare in pista nell’anno 2013, quello in cui dovranno/potranno riscrivere le regole e la filosofia con cui si costruiranno le monoposto di F1, auto più lente. Sì, avete capito bene: macchine meno veloci delle attuali. Per fare ciò, la Federazione sta spingendo affinché sia ridotta l’incidenza delle ali e, udite udite, si possa nuovamente far ricorso all’effetto suolo, bandito da ormai più di 30 anni.

F1 2013. L’abbiamo detto più volte che il 2012 non decreterà la fine del mondo ma sicuramente segnerà la fine della Formula 1 come la conosciamo adesso. Il 2013 sarà l’anno delle grandi novità. Si è già parlato dei motori turbo con finalità ecologiche. Ovviamente nel laboratorio FIA c’è dell’altro. Avvalendosi dell’illustre collaborazione di Patrick Head e Rory Byrne, Jean Todt presenterà ad inizio 2011 un pacchetto di proposte ai team i quali dovranno analizzarle e dare una risposta. Tra le novità più interessanti c’è la riduzione delle ali, sia anteriore che posteriore, al fine di rendere la auto più lente rispetto alle attuali, ma meno al limite, potendo così garantire gare più spettacolari:“Ci è stato chiesto di definire delle specifiche che possano essere alla base di monoposto non più lente di 5 secondi al giro rispetto ad oggi. Abbiamo cercato di individuare delle linee guida che potessero raggiungere questo obiettivo. Con l’introduzione del turbo e le limitazioni di carburante, i motori saranno più efficienti ed i piloti viaggeranno alla massima potenza solo per il 50% del tempo sul giro, questo porterà anche alla riduzione del 35% dei consumi”, ha dichiarato Patrick Head, storico co-proprietario del team Williams. Secondo la Federazione, solo rallentando le auto rendendole più difficili da guidare sarà possibile aumentare lo spettacolo e agevolare i sorpassi.

HONDA RITORNA? Le annunciate novità tecniche in fatto di motori, vale a dire l’introduzione dei 1,6 V4 turbo sta scaldando l’ambiente in fatto di motoristi. Da prima la Volkswagen si è detta possibilista. Adesso pure la Honda, ritiratasi a fine 2008, ripensa la propria posizione. “I motori del 2013 cambieranno radicalmente, le squadre partiranno da un foglio di carta bianco ed avranno grande libertà tecnica. Il motore tornerà ad essere importante e vincerà il migliore. Bmw è uscia da poco, Volkswagen è ancora incerta ma credo che i giapponesi non perderanno questa sfida. Certamente bisognerà chiarire la questione dei soldi da spendere ma credo che la riduzione delle unità stagionali e le limitazione dei materiali potrebbero aiutare in questo senso”, è stato il commento di Jean Francois Caubert, general manager del team Renault. Proprio la Renault, dal 2011 sarà in F1 nella sola veste di motorista.

553

Fonte | thef1times.com

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Ven 24/12/2010 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
alexander brandner
Alexander brandner 24 dicembre 2010 10:10

Buon Giorno, e buona, viglia di Natale a tutti voi…..

Rispondi Segnala abuso
stoneriano27
Benspies11 24 dicembre 2010 10:19

buongiorno e buone feste a voi e ai vostri cari riguardo l articolo sarebbe davvero interessante meno velocità ma gare più spettacolari magari

Rispondi Segnala abuso
alexander brandner
Alexander brandner 24 dicembre 2010 10:42

Ognuno ha la sua ricetta per favorire spettacolo e sport. Io penso solo che sia inutile guardare al passato con rimpianto… spesso i tempi d’oro non erano così d’oro quando erano “presente”. E’ ovvio che delle modifiche ci devono essere, ma non si può andare all’indietro (cambio manuale, niente elettronica, ecc). Un cambiamento per essere utile (altrimenti le scuderie cosa investono a fare in F1?) deve portare verso un progresso, non un “regresso”.

Rispondi Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca 24 dicembre 2010 10:47

Buona vigilia a tutti.
Mi chiedo che senso abbia reintrodurre i motori turbo nel 2013 e poi accettare la richiesta della FIA di rendere le auto più lente: con i turbo dovrebbero essere più veloci!

Rispondi Segnala abuso
alexander brandner
Alexander brandner 24 dicembre 2010 11:00

Questa è la ricetta per una F1 più spettacolare:
- Conferma dell’elettronica per la sicurezza
- Diminuzione delle ali ed eliminazione di tutte le piccole appendici aerodinamiche. La vettura dovrà essere una sorta di monoblocco senza appendici mobili.
- Pneumatici più larghi ma senza la possibilità di sostituirli durante una gara. (come in SBK che il deterioramento dei pneumatici aumenta lo spettacolo e la tensione dello spettatore).
- Vetture più corte, unito alla maggiorazione dei pneumatici, per una maggiore gestione sullo sporco diminuendo l’effetto pendolo grazie ad una distribuzione dei pesi obbligatoriamente diversa.
- Gare in due manche. Gara due vedrà sulla griglia di partenza le prime dieci vetture schierate in ordine inverso rispetto a gara uno sulla base di come si sono classificate, ovvero la prima classificata partirà per decima e così via. Le gare corte non consentono grandi strategie bisogna pestare l’acceleratore a testa bassa e in gara due ci sarà di che divertirsi.
Mi fermo qui, ma altro si potrebbe fare…….

Rispondi Segnala abuso
Tifosissimo mclaren 24 dicembre 2010 11:15

QUOTO SAREBBE BELLO

Segnala abuso
Erro
Erro 24 dicembre 2010 11:36

A me invece farebbe ca*are!
Innanzitutto la griglia invertita è la cosa più antisportiva che ci sia. In secondo luogo i GP di F1 storicamente sono una prova unica lunga proprio per portare al limite le condizioni di vettura e pilota.
In terzo luogo aumentare la dimensione della gomme senza aumentare il carico (statico + dinamico) che ci grava sopra non aumenta l’aderenza della vettura. Questa è una leggenda. La realtà è che le dimensioni delle gomme, a parità di altre condizioni non alterano il “bite” della gomma per terra.
Secondo me l’idea della FIA è la migliore di tutte: L’EFFETTO SUOLO.
A questo aggiungerei gomme con spalla ribassata. In modo da costringere i progettisti a fare sospensioni che si muovano.

Segnala abuso
Erro
Erro 24 dicembre 2010 11:40
Erro
Erro 24 dicembre 2010 11:56

Devo dire che la tua capacità di argomentazione è proprio convincente!

Segnala abuso
Gianluca loves Ferrari
Gianluca 24 dicembre 2010 12:08

Ma quale griglia invertita???
Quale gara divisa in due manches???
Neanche la GP2 dovrebbe essere divisa in due manches: non è mica la SBK???
Le regole vanno bene così come sono: l’unica che bisogna definitivamente abolire è quella del divieto dei test durante la stagione (davvero assurda) soprattutto per permettere ai collaudatori di testare, appunto, la monoposto nel caso in cui vengano chiamati in causa per sostituire i titolari infortunati.
Se questa regola assurda non fosse mai entrata in vigore, nel 2009 non ci sarebbe stato nessun processo contro Badoer e Fisichella: la F60 era una specie di carriola e su questo siamo d’accordo, ma se ai due piloti sostituti di Massa fosse stato consentito di effettuare test le prestazioni non sarebbero di certo state quelle, e data anche la discontinuità dei risultati di Kovalainen la Ferrari avrebbe anche potuto ottenere il terzo posto nel Mondiale costruttori.
Almeno io la penso così.

Rispondi Segnala abuso
alexander brandner
Alexander brandner 24 dicembre 2010 12:11

è menomale che era un’ipotesi

Segnala abuso
alexander brandner
Alexander brandner 24 dicembre 2010 12:23

X Erro

Cosa vuoi rispondergli, uno come, quello? lasciamo perdere…….

Rispondi Segnala abuso
JB 82
JB 82 24 dicembre 2010 12:54

Sono d’ accordo con Todt con Erro e con l’ articolo di Autosprint del 2000, abbassare i costi e diminuire le aree di intervento diminuirebbero le differenze tra i primi teams e gli ultimi. Oltretutto le ali sono dei giochini che non hanno senso nel mondo “reale” pensate solo per migliorare il giro singolo senza pensare all’ effetto che si ha con le altre macchine in gara, alla ricerca della pole position che solo uno su 22 può ottenere, solo chi sta in testa ne trae i maggiori benefici e gli altri si accodano senza speranza come abbiamo visto più volte quest’anno.
Io proporrei un ala unificata, come era già stata proposta in passato pochi anni fa, ma piatta, come quelle utilizzate a Monza per intenderci, per tutti i circuiti senza toglierle del tutto che diventerebbe anche pericoloso.
Vorrei far capire a quelli che pensano che tornare a soluzioni vecchie vuol dire impoverire la F1 che le soluzioni che abbiamo adesso non sono frutto della naturale evoluzione della tecnica ma al contrario ora abbiamo soluzioni di ripiego, portate all’ estremo certo, ma che furono introdotte solo perché la soluzione migliore era ancora incontrollabile dall’ esperienza e la tecnologia del passato.
Oggi riprenderle sarebbe tornare alle soluzioni più geniali della storia automobilistica ma in chiave più sicura ed allargate a tutti i teams per far competere anche quelli più poveri.
Aggiungo che Mosley è un incapace..

Rispondi Segnala abuso
Erro
Erro 24 dicembre 2010 13:00

Quoto!

Segnala abuso
alexander brandner
Alexander brandner 24 dicembre 2010 13:00

x erro

A parte il pezzetto di terra con un motore e serbatoi, più piccoli, non si potrebbe ridurre anche la lunghezza totale delle monoposto?
Penso che questo, favorirebbe molti fattori nei tratti misti tra, cui la fase di sorpasso…….

Rispondi Segnala abuso
Erro
Erro 24 dicembre 2010 13:04

Più che altro bisognerebbe allargare le monoposto.
Si accorciarle può aiutare a renderle più instabili (perchè a parità di peso una vettura lunga è più stabile), e quindi più difficile da guidare.
Ma in realtà non incide più di tanto. Quello che conta davvero è il passo e la larghezza delle vetture.

Segnala abuso
stoneriano27
Benspies11 24 dicembre 2010 14:38

griglia invertita ma per favore lo trovo ridicolo sai quante polemiche si scatenerrebbero sulle ali concordo

Rispondi Segnala abuso
DAVIDE78 24 dicembre 2010 14:40

Come mi piacerebbe la F1 ?

- Riduzione dei diffusori sia in altezza che in larghezza
- Riduzione dell’alettone anteriore
- Eliminazione delle appendici sovrastanti l’ala anteriore
- Abolizione delle paratie laterali e delle appendici davanti le pance
-Abolizione delle appendici dal sottoscocca
-Eliminazione del fondo piatto
-ritorno alla configurazione delle vetture anni 70/80 con effetto suolo e senza fondo piatto.

Rispondi Segnala abuso
Vator
Vator 24 dicembre 2010 16:02

la Formula 1 deve andare velocissima per antonomasia..

Rispondi Segnala abuso
JB 82
JB 82 24 dicembre 2010 16:59

La F1 per me deve anche esaltare il pilota migliore oltre che la macchina migliore…

Rispondi Segnala abuso
David Lee 24 dicembre 2010 17:16

più che alcolizzato ti ammazzi dalle se…è grazie a quelli come te e roccos che le c’è più donne per noi..

Rispondi Segnala abuso
David Lee 24 dicembre 2010 17:47

Se lo volete sapere, io ne ho avute 300 nella mia vita, e non vedo l’ora che arriva stasera, perchè siccome è natale ne trovo altre 10 sotto l’albero, non come voi poveretti che vi dovete accontentare solamente di mangiare pandori e panettoni…

Rispondi Segnala abuso
Roberto di Lolli 24 dicembre 2010 18:07

David buon per te che hai avuto 300 donne, ma a noi non ce ne frega una mazza di ciò.
Qui si parla solamente di sport motoristici

Rispondi Segnala abuso
stoneriano27
Benspies11 24 dicembre 2010 18:15

ahaha david altro fenomeno

Rispondi Segnala abuso
Rocco 25 dicembre 2010 09:36

Volevo lasciar stare ma nn ce l’ho fatta.
Allora lo vedi David ke non sono l’unico, che gli fai girare le albicocche.
Pure con gli altri ti metti a dare i tuoi preziosi consigli?
Non lo vedi che stai diventando uno zimbello???

Rispondi Segnala abuso
David Lee 25 dicembre 2010 22:53

peccato che non ho scritto io quelle cose ieri non ho fatto post..probabilmente sei te che il 24 di dicembre alle 5 di pomeriggio non hai niente di meglio da fare che sfruttare il mio nome…abbozzala ed esci un pochino ti fà bene!
il fatto che continui ancora e che cerchi di farmi passare da imb… dimostra quanto bambino sei…

Rispondi Segnala abuso
Rocco 26 dicembre 2010 10:36

Si come no e io sono Babbo Natale…ma falla finita dai e il bambino sei tu che continui a rompere agli altri parlando sempre delle tue donne, invece di parlare di Formula 1 o altro

Rispondi Segnala abuso
David Lee 27 dicembre 2010 00:04

Delle mie cose personali non ho fatto mai parola mi pare…abbozzala di dire s….ate e di trolleggiare
a rocco macchitesen*ula!!

Segnala abuso
26 dicembre 2010 19:56

una F1 che va lenta non è una F1: già i V8 sono di una tristezza… figurarsi i 4 cilindri. 700cv? ma che è F1 questa?! la F1 DEVE essere la categoria più VELOCE AL MONDO, invece vi sono auto di categorie inferiori che macinano oltre 800CV, per non parlare di certe vetture stradali come la FXX da 850cv e la Veyron da 1000, ma stiamo scherzando? da che si era con mostri inchiodati al suolo e da oltre 900 cavalli (2004) vogliamo passre a betoniere che vengono pruciate in accellerazione e velocità di punta da un moto gp, ma fatemi il piacere, la FIA e VOI che state qui ad avvalorare ste regole assurde in favore di uno spettacolo che NON CI SARA’, mettetevi l’anima in pace, non rivedrete mai le gare degli anni 80
Questa E’ la F1:

http://www.youtube.com/watch?v=YR6fcMR6OoU

Rispondi Segnala abuso
Giacomo 26 dicembre 2010 20:42

Bene.. perchè non proporre un motore diesel? Che so, un 1.3 multijet x esempio, cosi si risparmia carburante meno CO2 e meno prestazioni e anche noi possiamo andare a correre con una Panda!! ma daii!!

Rispondi Segnala abuso
Erro
Erro 26 dicembre 2010 21:08

Ma tutti quelli che dicono che un 1600 turbo è meno potente di un 2400 aspirato, sono davvero convinti di quello che dicono?
No, per sapere, perchè finchè la FIA non dichiarerà la pressione di sovralimentazione consentita non si può sapere che potenza sarà raggiungibile.
Per chi non lo sa esiste una formula che permette di esprimere la cilindrata che dovrebbe avere un motore atmosferico per uguagliare in potenza un motore turbo (di cui siano note cilindrata e pressione di sovralimentazione), con errori contenuti nell’ordine del 10%.
La formula dice che:
Va = ((Pt+1) * (Vt^1,4))^(1/1,4)
in cui
Vt è la cilindrata del motore turbo;
Pt è la pressione di sovralimentazione;
Va è la cilindrata (detta fittizia) che avrebbe un atmosferico per eguagliare in potenza un turbo con date caratteristiche.
Facendo due calcoli con una pressione di sovralimentazione di 1 atmosfera già si supererebbe in potenza i 2400 aspirati di oggi. Se si pensa che negli anni 80 era normale usare pressioni nell’ordine delle 4-5 atmosfere si capisce subito che in realtà i 1600 turbo potrebbero superare tranquillamente in potenza i motori di oggi. (C’è da dire che oltre i 3 bar la formula che ho riportato non è più esattamente valida per via del surriscaldamento dell’aria, ci sarebbero alcune correzioni da fare, che risultano talmente complesse da essere quasi inutili e sostituite con i collaudi; comunque accettando errori del 20% da una buona idea dell’andamento delle potenze).

Rispondi Segnala abuso
27 dicembre 2010 20:11

guarda che nessuno ha detto che un 2400 aspirato è più potente di un turbo 4 cilindri… è il fatto di non vedere salire le prestazioni che è sconcertante e disgustoso, si sono solo fatti passi indietro e questa NON E’ la F1. 700 cv erano pochi con gli aspirati v8 e restanto pochi con 4 cilindri turbo. A parte quello, un 4 cilindri ha lo stesso fascino di Rosy Bindi. Fianmola qui’ va’

Rispondi Segnala abuso
Erro
Erro 27 dicembre 2010 20:23

Hai ragione, finiamola quì.
In questo blog parlare seriamente di tecnica è come parlarne con un somaro.
Anonimo, la Vayron avrà pure 1000cv, ma ne riesce a sfruttare meno della metà. Una F1 avrà 700cv, ma li riesce a sfruttare tutti. E’ quì la differenza.

Segnala abuso
28 dicembre 2010 10:48

la differenza sta nel fatto che una Veyoron riprende come un “F1″ di queste non fara mai, così ocme ormai una moto GP, chehai tempi dei V10 le avrebbe prese, mentre ora ci da la paga e lo farà ancora di più dal momento che torneranno i mille. D’accordo, parliamo di diversi rapporti peso/potenza, inoltre alle alte velocità la resistenza aerodinamica della F1 è un collo di bottiglia in tal senso, ma con le potenze precedentemente disponibili si compensava, ora queste auto semlicemente, non sono il meglio disponibile, la vetta è stata raggiunta nel 200d, da allora le performance sono scese è quasto è l’esatto contrario della formula 1 punto senza se e senza ma, punto. Le formule presentale in cattedra ai non somari, a noi ci frega un cappero, inioltre per tua informazione è già stato detto che i nuovi propulsori turbo dovranno essere allineati alla potenza degli attuali motori, quindi la pressione della sovralimentazione avrà limiti ben precisi…così come il regime di rotazione fissato in 12000 RPM

Rispondi Segnala abuso
28 dicembre 2010 10:51

sta= stà
fara= farà
ocme= come
hai= ai
semlicemente= semplicemente
200d= 2004
inioltre= inoltre
ah, la fretta di scrivere!

Rispondi Segnala abuso
28 dicembre 2010 10:52

sta= stà
fara= farà
ocme= come
hai= ai
semlicemente= semplicemente
200d= 2004
inioltre= inoltre
ah, la fretta di scrivere!

Rispondi Segnala abuso
28 dicembre 2010 10:52

sta= stà
fara= farà
ocme= come
hai= ai
semlicemente= semplicemente
200d= 2004
inioltre= inoltre
la fretta di scrivere!

Rispondi Segnala abuso
Samaria 21 aprile 2012 06:44

Permettete una ripresa del tema greura perche8 si presta naturalmente a molti paradossi, in particolare ad uno che vado ad esporre.Leggo diversi interventi su varie riviste di vari e anche opposti orientamenti, e in qualche modo specialistiche, che insistono su una analisi sul futuro semplicissima: le risorse non bastano per mantenere nemmeno le condizioni di benessere (o malessere) attuali nel mentre si affacciano pieni di aspettative di miglioramento economico miliardi di persone in paesi come Cina e India che oltretutto stanno diventando potenze e competitori globali, sia militari sia economici. L’Islam insomma ci entrerebbe un bel nulla. Questi studi traggono da questo scenario una deduzione semplicissima: la greura totale e8 alle porte e poiche8 nasce da competizione su risorse limitate e finite sare0 greura di sterminio. Ecco, un quadro cosec non puf2 suscitare, fra le tante, anche la domanda: e i maschi dichiarati colpevoli di ogni cosa, finamai della Storia, secondo la vulgata femminista sottoscritta con tanta compiacenza dal potere, saranno per l’ennesima volta con la loro cartolina precetto in mano ad aspettare per l’ennesima volta il modo per essere fatti a pezzi e fare a pezzi altri maschi dall’altra parte della barricata? con la novite0, rispetto ai maschi in greura che li hanno preceduti di essere considerati dalla societe0 in cui vivono e per la quale sono chiamati a morire, criminali violenti in quanto maschi che si sono momentaneamente spostati dalla greura interna contro le donne (la affermazione folle secondo cui i maschi uccidono pif9 donne in pace di quanto ne muoiano per un qualunque altro motivo ) al fronte esterno? Guerrieri (e carne da macello), gie0 senza onore a detta dei politici, dei talkshow men e talk show women, prima ancora di aver sparato un colpo?

Rispondi Segnala abuso
Seguici